Arte&Musica

Sezione Articoli

L'11 ottobre1485 il notaio Paolo Santonino, al seguito del Patriarca di Aquileia in visita nei territori della Stiria, incontra il conte Leonardo di Gorizia. Santonino traccia con precisione la figura del Conte e della sua corte, rendendoci in maniera particolarmente viva alcuni modelli di vita peculiari della nobiltà feudale delle terre imperiali,...

Il celebre futurista Tullio Crali, aveva un amico con cui condivideva negli anni 30' interminabili passeggiate nella Gorizia notturna, parlando dei destini della pittura e dell'arte: era Raoul Cenisi, nato a Sebenico nel 1912, artista poliedrico e di rara abilità grafica, che come Tullio, fu rapito dal vortice futurista, movimento per il quale...

Il pittore Antonio Rotta nacque a Gorizia il 22 febbraio 1828, in quella che allora era la casa n. 159 della "Contrada del Corno", dove suo padre, morto pochi mesi prima, aveva gestito un piccolo caffè, conosciuto con il nome di "caffè pedocio". Venezia diventò la sua città d'adozione: lì si formò artisticamente e lì visse dall'età di tredici anni:...

Un architetto goriziano ha disseminato con le sue chiese, le sue dimore, i suoi palazzi tanta parte dei territori dell'ex Impero Asburgico. Stiamo parlando di Nikolaus Leonard Von Pacassi, ricordato semplicemente come "il Pacassi" che della nutrita stirpe di costruttori goriziani è un po' il capostipite. Fu figlio d'arte: suo padre era lo scultore...

Non è certo dimenticato Nico di Stasio: coloro che lo hanno conosciuto ne serbano un ricordo indimenticabile. Un altro grande pittore goriziano con cui continuiamo la nostra rassegna dedicata ai goriziani.

Inauguriamo una rassegna che apparirà ogni fine settimana: goriziani più o meo illustri, ma comunque goriziani interessanti, testimoni di un livello culturale altissimo nella speranza che la città non diventi un paesone perdendo le caratteristiche di città capoluogo. Attingiamo dal nostro sito www.gorizia3-0, e in particolare dalla sezione...

La chiesa risale al 1654 e venne edificata ad opera dei padri gesuiti, ad essi si devono anche la fondazione del Seminario Werdenbergico e dell'Università.

Un altro magnifico tesoro goriziano. Risalgono con ogni probabilità alla seconda metà del Quattrocento gli affreschi della Cappella di Sant'Acazio, che circondano estatici e sognanti i quattro Evangelisti in uno dei pochi lacerti medievali che Gorizia conserva. Questo ciclo pittorico di grande impatto, come vedrete dalle immagini, è un segno di...

Alba Gurtner - che ci lasciò nel 2012 - e il degrado del Muro delle 5 lingue a Piedimonte: un problema già stato sollevato qualche anno sulla pagina FB goriziagorizia ed è stato ripreso da noi di gorizia3.0 con un post che ha raggiunto migliaia di utenti - che ringraziamo - sullo stato in cui versano i murales di...

Unire l'utile al dilettevole: questa è la mission di una fontana. Mettere cioè a disposizione della cittadinanza un bene di pubblica utilità: l'acqua. E impreziosire il paesaggio urbano - farne ornamentum - vezzeggiando la vista ed i sensi. Gorizia ne dispone di alcune di grande pregio: come la fontana-obelisco di Piazza San Rocco, progettata...