Economia

Articoli di Gorizia3.0

Gorizia e Nova Gorica: territorio unico? Geograficamente non si discute; in un'ottica finanziaria, burocratica le due zone sono decisamente separate non da filo spinato o muri ma dalle tasse: l'aliquota persone fisiche in Italia è quasi al 48 per cento mentre in Slovenia è del 25 per cento.

Pubblichiamo un comunicato di Manuel Rizzi titolare di un distributore di benzina. "A Gorizia dall' 11 settembre 2020, presso la stazione di servizio con bandiera Tamoil, il Diesel nazionale sarà €1,199 , quindi con il contributo di €0,200 si arriva al prezzo di vendita al litro di 0,999 SOTTO IL PREZZO SLOVENO."

Torniamo ad affrontare una delle realtà più importanti del Goriziano, ovvero la Fondazione CariGO (Cassa di Risparmio di Gorizia), sgombrando immediatamente il campo da un equivoco: l'istituzione è assolutamente politica, nel senso che ogni cinque anni il cambio degli organi dirigenti è preceduto da furiosi corpo a corpo tra destra e sinistra....

Rastrellum: cancello. Quello che nel Medioevo veniva chiuso al calar delle tenebre a protezione dell'abitato, dà il nome alla strada: via Rastello, appunto, per secoli il cuore pulsante del commercio goriziano. Dove si affacciano austere le botteghe dei mercanti e degli artigiani conservando il fascino antico delle loro vetrine, delle insegne e...

Continua a puntate sui quotidiani la sterile annotazione da parte dei vertici goriziani della Camera di commercio di Trieste dei fallimenti, delle chiusure, dell'agonia dell'economia goriziana e isontina. E non è colpa soltanto del coronavirus perché come abbiamo sottolineato più volte , questo trend particolarmente negativo colpisce da tempo l'ex...

Con notarile puntualità il vicepresidente della Camera di commercio della "Venezia Giulia" Gianluca Madriz (d'ora innanzi GLM) informa i goriziani e gli isontini di quello che sanno anche i bimbi di 3 anni: l'economia dell'ex provincia è in crisi. Lo è da tempo e lo spiega il nostro sito web, digitando il link sotto il titolo. Il coronavirus ha...

Sono circa due mesi che il sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna ha chiesto alla Camera di commercio "della Venezia Giulia", con la compunzione che gli è propria, di intervenire tramite il Fondo Gorizia per aiutare la città nel dopo-Covid. La risposta venne da Trieste e fu un sonoro no se pol. Cioè ai goriziani non è permesso di usare i propri soldi....

In merito alla grande animazione intorno alla problematica Zona Franca e Zone speciali, la paternità e maternità di un'idea che ha prodotto più progetti di legge che zanzare d'agosto, saccheggio un pezzo firmato da F.Fain. ecco quanto scriveva su Il Piccolo del 28 ottobre 2016, in cronaca di Gorizia.

Gorizia è zona depressa, insieme alla sua ex provincia.
Da quando il Consigliere regionale Diego Bernardis ha posto il problema (peraltro grande come una casa), c'è una ressa di politici bianchi, rossi, verdi, gialli e di tutti i colori che la tavolozza della politica dispone, che sgomitano per depositare proposte nate come funghi sul problema...

Mentre è in corso la gara a chi arriva prima sulla Zona Franca, il territorio della ex Provincia di Gorizia dà segnali di vita in proposito. Dopo la mozione presentata a Gorizia dal consigliere comunale Tomasella e quella dei consiglieri Dosso e Michelutti a Capriva ecco un'analoga iniziativa della giunta comunale di San Lorenzo Isontino. Il primo...

Mentre aspettiamo che la Cciaa di Trieste dia un cortese riscontro sull'uso del Fondo Gorizia per l'emergenza economica della città, come richiesto da Ziberna settimane fa, noi, più educati, rispondiamo a una riflessione del sindaco là dove parla della crisi del piccolo commercio che, pur colpendo tutti i comuni, qui alligna con particolare...

Ma un ragionamento più ampio sulla Zona Franca, no? A Gorizia ognuno gioca la sua partita in solitaria, tradizione consolidata da decenni al fine di raggranellare qualche voto con risultati zero. Se ne sono sentite di tutti i colori mentre la ex provincia tace: anche tra i comuni dell'Isontino ognuno gioca la sua partita, a questo punto piuttosto...

Quindi è possibile che Gorizia diventi l'epicentro di una sorta di Zona Franca d'emergenza come ha proposto il consigliere regionale Diego Bernardis, che ha sintetizzato e reso plastici i sussurri e le grida, le riunioni e le controriunioni su una possibile Zona Economica Speciale. Mentre giace in Parlamento una proposta di legge dell'onorevole...

Avrete letto anche su gorizia3.0 della Zes o della Zese, cui si è aggiunta la Zls. Non sono insetticidi, ma Zone Economiche e logistiche speciali, sorta di "zone franche" che potrebbero rilanciare l'economia goriziana. C'è una proposta tutta triestina della Serracchiani mentre in un altro ambito interpartitico gli onorevoli Pettarin e Rojc sono al...

Poiché ne avevamo scritto ampiamente entrando anche nel merito del discorso siamo felici che qualcuno si interessi all'emergenza finanziaria goriziana conseguente al coronavirus che torna alla ribalta con il tema della disparità fiscale al di qua e al di là della frontiera. Il consigliere regionale della Lega, Diego Bernardis, rilancia con urgenza...

C'è fermento in Regione attorno a un'articolata proposta di legge di Debora Serracchiani che chiede l'istituzione di una Zes (Zona economica speciale) a Trieste senza minimamente citare Gorizia (figurarsi!) e neppure l'Isontino. Considerando gli schieramenti politici e la potenza delle lobby dei triestini (beati loro!) si può supporre che il pdl...

La Camera di Commercio batte un colpo : dopo ampie, reiterate sollecitazioni - in primis quelle del Sindaco di Gorizia - di sostegno alla disastrata categoria dei commercianti messi in ginocchio dal coronavirus, il tandem presidente - segretario generale della Cciaa, ci dice che "no se pol". Non si possono distribuire i soldi del tesoretto...

Con sorrisi smaglianti i capi della Cciaa della Venezia Giulia annunciano urbi et orbi che l'emergenza non c'è e che tutto va bene così com'è. Il Covid è stato un sogno. E si sogni Ziberna e il resto dei questuanti interventi straordinari: i milioni del Fondo Gorizia non si toccano finchè Trieste non ha ben capito come e soprattutto dove usarli....

Quello che andiamo affermando da mesi sulla CCiaa si sta confermando: ma come sempre a Gorizia, con un'impronta tra il tragico e il comico. Dove il tragico è la crisi economica dove l'emergenza coronavirus che con uno tsunami ha devastato il mondo certo, ma ha infierito sulla già critica situazione economica isontina e di Gorizia, con un comparto...

Ecco le cifre della ripartenza in un comunicato del primo cittadino di Gorizia Rodolfo Ziberna. Si fa leva sull'avanzo di bilancio e anche sui tagli alla cultura, che per antica tradizione sono i primi a essere ridimensionati in casi di emergenza. Rileviamo la positiva attenzione alla riduzione delle tasse nel settore commercio.

Tante volte a Gorizia si parla della benzina e dell'enorme svantaggio nei confronti delle pompe Slovene, uno svantaggio che ci ha fatto perdere un'enormità in termini di introiti.
Evidentemente non c'è discorso più inerente in questo momento. Per la cronaca, il prezzo del petrolio (WTI) scende in territorio negativo, significando che i produttori...

In tempi di coronavirus, per la precisione sull'edizione del 15 marzo, apprendiamo dalla pagina Venezia-Giulia Economica, un portale di news promosso dalla Camera di Commercio della Venezia-Giulia, composta rispettivamente dalla Camera di Gorizia e quella di Trieste, che il Confidi di Gorizia* si "trasformerà" nel Confidi della Venezia-Giulia. In...

Apprendiamo oggi dal Friuli, che la nostra regione si classifica al primo posto nella speciale classifica che analizza la percentuale di cittadini che rispettano le regole (in questo caso della quarantena). Sì, avete capito bene, siamo tra quelli che stanno più tempo a casa.