2025: GIBELLI VS UDINE

24.07.2021

Attacco dell'assessora regionale Gibelli al Comune di Udine con una particolare attenzione per l'assessore alla cultura Fabrizio Cigolot, definito più o meno esplicitamente "gatto di marmo" poiché Udine non aderisce come dovrebbe alla capitale Europea della Cultura, che sarebbe Gorizia.

Tutto bene? No: se gli argomenti come dovrebbero riguardassero realmente la Cultura, si dovrebbe chiedere perché il capoluogo del Friuli dovrebbe occuparsi di un evento in cui proprio il friulano, come tradizioni, lingua e cultura così presenti a Gorizia non è assolutamente considerato.

La Gibelli - che si dice "inviperita" dagli atteggiamenti del capoluogo friulano - afferma che "l'evento coinvolgerà tutta la Regione e non soltanto Trieste e Pordenone ma anche Lignano Sabbiadoro (?)", controfirmando sul Messaggero Veneto quello che noi diciamo da tempo e cioè che il 2025, almeno per la Parte italiana sarà gestito direttamente dalla Regione Friuli Venezia Giulia, il che la dice lunga sulla considerazione della Giunta Regionale per l'amministrazione di Piazza Municipio.

Buono a sapersi anche perché ci vorrà tutta la potenza di fuoco della Regione per riuscire a dare un senso compiuto a quel Bidbook 2025 (il programma culturale della Capitale Europea della Cultura) cercando di valorizzare anche i mille anni di storia di Gorizia (insieme a Salcano, tra l'altro) e non solo quanto accaduto dalla fine degli anni '40 dello scorso secolo, come si evince oggi da quel documento.


Luca Michelutti