500 MORTI A GORIZIA PER LA PANDEMIA LA STRAORDINARIA CRONACA DEL 1682

29.12.2020

Che quell'anno sarebbe stato funesto lo capirono in molti guardando il cielo: a notte fonda apparve una cometa sopra la mole pallida del castello di Gorizia. Era il 1682, la cometa era quella di Halley, che da millenni preannuncia sciagure all'umanità. Gio Maria Marusig, goriziano patocco, nato nel 1641, sacerdote, disegnatore e cronachista straordinario, ebbe i primi sentori della tragedia in maggio, quando tale Primos (potenza dei nomi!) Velicogna di Tolmino, mentre andava a San Canciano a cavallo "fu veduto cader più volte per strada ... e morì improvvisamente quela note". 

 Si pensò a un malore e invece il 12 giugno a Gorizia andò all'altro mondo lo staffiere Tomaso Gabana che aveva dormito nella stessa casa di Primos: chi ne ricompose il corpo per le funebri funzioni lo scoprì pieno di pustole viola. Era la Peste a Gorizia che fu isolata da Gradisca e i "Carsolini": zona rossissima. Da quel giorno in poi il Marussig, con macabra diligenza e con lo zelo di un bravo reporter narrò la storia di quell'anno orribile in cui la Morte falciò la città a destra e a manca senza badare al censo o al titolo e non risparmiando - a differenza di questa nostra pandemia del 2020- bambini e giovani di tutte le età. Marussig quasi sempre ne riporta i nomi: Andrea Lampretig detto il Cuculuta, Giorgio Conciar di Piazuta, Stefano Grosovin, Elisabetta de Gibelli, Simon Trevisan di anni 3, il Colaucig, Anna Cumara, Agostin Iarin, Domenico Zaina, la baronessa Eufemia d'Orzon, Paulo Struchel, l'ebreo Vito Pincherli, Zanina Grobnica, Giacomo Sbona di anni 8.... Accompagnati da brevi epigrafi in friulano i disegni spicci e naive di Gio Maria Marussig descrivono questo martirio costruendo una sorta di Spoon River goriziano: quasi 500 morirono in quella pandemia, cui il nostro restituisce la dignità della memoria. Un insieme di disegni e di scritti, che Gio dedicò all'Illustrissimo Conte De Coblenz, che varrebbe una bellissima mostra da proporre tra gli eventi della Città Europea della cultura. 

Antonio Devetag

DA LEGGERE: "IL DIARIO DELLA PESTE DI GIOVANNI MARIA MARUSSIG" EDITO DALLE EDIZIONI DELLA LAGUNA, FONDAZIONE CARIGO



La cometa appare nel cielo
La cometa appare nel cielo
Il Lazzaretto
Il Lazzaretto
Processione a Gorizia
Processione a Gorizia
Nel 1682 le popolane (non le nobildonne) che non rispettavano la quarantena venivano picchiate
Nel 1682 le popolane (non le nobildonne) che non rispettavano la quarantena venivano picchiate

Ultimi articoli:


Il 2020 sta per finire, finendo però nel peggiore dei modi, con un forte terremoto registrato ieri intorno all'ora di pranzo. Quest'anno sarà sicuramente ricordato come il peggiore degli ultimi decenni, con una tragica pandemia ben lontana dall'essere debellata.

Che quell'anno sarebbe stato funesto lo capirono in molti guardando il cielo: a notte fonda apparve una cometa sopra la mole pallida del castello di Gorizia. Era il 1682, la cometa era quella di Halley, che da millenni preannuncia sciagure all'umanità. Gio Maria Marusig, goriziano patocco, nato nel 1641, sacerdote, disegnatore e cronachista...

Siamo stati i primi (il 16 dicembre) a comunicare la notizia sulle sedi di vaccinazione nel FVG. Come stanno ripentendo altri media in questi giorni, nella (ex) Provincia di Gorizia, le prime vaccinazioni, che riguarderanno il personale sanitario, si terranno presso l'Ospedale di Monfalcone.A tal proposito il primo cittadino di Gorizia commenta che...

Enrico Secondo fu forse il più affascinante tra i Conti goriziani: aveva sposato Beatrice, rampolla dei da Camino e aveva certamente ammirato l'opulenza e lo sfarzo delle corti dei principi italiani. Operò per ingrandire il suo territorio che alla sua morte andava dall'Istria alla Carinzia dall'Attuale Slovenia al Veneto. Un grande della storia di...

Certamente si può dire che questo è stato un anno che ha segnato la storia. Un anno veramente difficile e strano per tutti. Ma da un certo punto di vista è stato anche un 2020 importante, l'anno in cui grazie anche al sostegno di Nova Gorica, Gorizia è diventata Capitale della Cultura Europea per il 2025: un riconoscimento importantissimo.

E'un momento di forti emozioni per la nomina storica di Nova Gorica Gorizia quale capitale europea del FVG: viene riconosciuta l'importanza di questo territorio così conteso da sempre. Noi crediamo che la storia del Goriziano, una delle chiavi di volta della storia europea prenda in considerazione l'intero millennio (e più...) in cui la città fu...