500 MORTI A GORIZIA PER LA PANDEMIA LA STRAORDINARIA CRONACA DEL 1682

29.12.2020

Che quell'anno sarebbe stato funesto lo capirono in molti guardando il cielo: a notte fonda apparve una cometa sopra la mole pallida del castello di Gorizia. Era il 1682, la cometa era quella di Halley, che da millenni preannuncia sciagure all'umanità. Gio Maria Marusig, goriziano patocco, nato nel 1641, sacerdote, disegnatore e cronachista straordinario, ebbe i primi sentori della tragedia in maggio, quando tale Primos (potenza dei nomi!) Velicogna di Tolmino, mentre andava a San Canciano a cavallo "fu veduto cader più volte per strada ... e morì improvvisamente quela note". 

 Si pensò a un malore e invece il 12 giugno a Gorizia andò all'altro mondo lo staffiere Tomaso Gabana che aveva dormito nella stessa casa di Primos: chi ne ricompose il corpo per le funebri funzioni lo scoprì pieno di pustole viola. Era la Peste a Gorizia che fu isolata da Gradisca e i "Carsolini": zona rossissima. Da quel giorno in poi il Marussig, con macabra diligenza e con lo zelo di un bravo reporter narrò la storia di quell'anno orribile in cui la Morte falciò la città a destra e a manca senza badare al censo o al titolo e non risparmiando - a differenza di questa nostra pandemia del 2020- bambini e giovani di tutte le età. Marussig quasi sempre ne riporta i nomi: Andrea Lampretig detto il Cuculuta, Giorgio Conciar di Piazuta, Stefano Grosovin, Elisabetta de Gibelli, Simon Trevisan di anni 3, il Colaucig, Anna Cumara, Agostin Iarin, Domenico Zaina, la baronessa Eufemia d'Orzon, Paulo Struchel, l'ebreo Vito Pincherli, Zanina Grobnica, Giacomo Sbona di anni 8.... Accompagnati da brevi epigrafi in friulano i disegni spicci e naive di Gio Maria Marussig descrivono questo martirio costruendo una sorta di Spoon River goriziano: quasi 500 morirono in quella pandemia, cui il nostro restituisce la dignità della memoria. Un insieme di disegni e di scritti, che Gio dedicò all'Illustrissimo Conte De Coblenz, che varrebbe una bellissima mostra da proporre tra gli eventi della Città Europea della cultura. 

Antonio Devetag

DA LEGGERE: "IL DIARIO DELLA PESTE DI GIOVANNI MARIA MARUSSIG" EDITO DALLE EDIZIONI DELLA LAGUNA, FONDAZIONE CARIGO



La cometa appare nel cielo
La cometa appare nel cielo
Il Lazzaretto
Il Lazzaretto
Processione a Gorizia
Processione a Gorizia
Nel 1682 le popolane (non le nobildonne) che non rispettavano la quarantena venivano picchiate
Nel 1682 le popolane (non le nobildonne) che non rispettavano la quarantena venivano picchiate

Ultimi articoli:


Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...

Prima puntata - Il mondo alla rovescia. Tutto ciò che non è stato fatto dall'amministrazione comunale in tre anni dall'insediamento è stato messo in fila in www.goriziastrategica.it, dove i cittadini sono chiamati alla realizzazione del nuovo piano regolatore, che si muove su cinque direttrici: Gorizia cura il suo patrimonio; il verde goriziano...

Rompiamo il silenzio calato sulla vicenda Mercato coperto che tra trionfali proclami, letterine di sfratto, progetti fantasmagorici ha dimostrato soprattutto l'afasia esistente tra Comune e la Camera di commercio a trazione triestina: i due enti non si parlano tanto da aver programmato la fuoriuscita dei circa quaranta esercenti che vi lavorano...