500 MORTI A GORIZIA PER LA PANDEMIA LA STRAORDINARIA CRONACA DEL 1682

29.12.2020

Che quell'anno sarebbe stato funesto lo capirono in molti guardando il cielo: a notte fonda apparve una cometa sopra la mole pallida del castello di Gorizia. Era il 1682, la cometa era quella di Halley, che da millenni preannuncia sciagure all'umanità. Gio Maria Marusig, goriziano patocco, nato nel 1641, sacerdote, disegnatore e cronachista straordinario, ebbe i primi sentori della tragedia in maggio, quando tale Primos (potenza dei nomi!) Velicogna di Tolmino, mentre andava a San Canciano a cavallo "fu veduto cader più volte per strada ... e morì improvvisamente quela note". 

 Si pensò a un malore e invece il 12 giugno a Gorizia andò all'altro mondo lo staffiere Tomaso Gabana che aveva dormito nella stessa casa di Primos: chi ne ricompose il corpo per le funebri funzioni lo scoprì pieno di pustole viola. Era la Peste a Gorizia che fu isolata da Gradisca e i "Carsolini": zona rossissima. Da quel giorno in poi il Marussig, con macabra diligenza e con lo zelo di un bravo reporter narrò la storia di quell'anno orribile in cui la Morte falciò la città a destra e a manca senza badare al censo o al titolo e non risparmiando - a differenza di questa nostra pandemia del 2020- bambini e giovani di tutte le età. Marussig quasi sempre ne riporta i nomi: Andrea Lampretig detto il Cuculuta, Giorgio Conciar di Piazuta, Stefano Grosovin, Elisabetta de Gibelli, Simon Trevisan di anni 3, il Colaucig, Anna Cumara, Agostin Iarin, Domenico Zaina, la baronessa Eufemia d'Orzon, Paulo Struchel, l'ebreo Vito Pincherli, Zanina Grobnica, Giacomo Sbona di anni 8.... Accompagnati da brevi epigrafi in friulano i disegni spicci e naive di Gio Maria Marussig descrivono questo martirio costruendo una sorta di Spoon River goriziano: quasi 500 morirono in quella pandemia, cui il nostro restituisce la dignità della memoria. Un insieme di disegni e di scritti, che Gio dedicò all'Illustrissimo Conte De Coblenz, che varrebbe una bellissima mostra da proporre tra gli eventi della Città Europea della cultura. 

Antonio Devetag

DA LEGGERE: "IL DIARIO DELLA PESTE DI GIOVANNI MARIA MARUSSIG" EDITO DALLE EDIZIONI DELLA LAGUNA, FONDAZIONE CARIGO



La cometa appare nel cielo
La cometa appare nel cielo
Il Lazzaretto
Il Lazzaretto
Processione a Gorizia
Processione a Gorizia
Nel 1682 le popolane (non le nobildonne) che non rispettavano la quarantena venivano picchiate
Nel 1682 le popolane (non le nobildonne) che non rispettavano la quarantena venivano picchiate

Ultimi articoli:


"Dai pressi del Caffè del Teatro sino alla stazione ferroviaria le folte siepi di malvone, che fiancheggiavano i viali di platani, sembravano un interminabile tappeto di fiori, che destava la maraviglia di tutti i forastieri..... Ben a ragione Gorizia poteva venir chiamata l'incantevole città dei fiori del Friuli Orientale, da chi dalle brume...

L'assessore regionale all'Energia Scoccimarro ha annunciato stamane di voler revisionare entro l'anno la legge sullo sconto carburanti ed eventualmente inserire nuovi comuni nel progetto, che va a supporto di una lunga e finalmente concreta battaglia goriziano-isontina per riequilibrare l'economia della fascia confinaria. Solo sulla nostra fascia...

Ricapitoliamo: 24 o 25 milioni a Pordenone, Udine e a Trieste. Progetti mirati, occasioni di sviluppo. Diciotto piazzati sul territorio dell'ex provincia di Gorizia e salomonicamente divisi tra i due capoluoghi, Monfalcone e Gorizia. Nove ciascuno. A Gorizia per progetti slegati da una visione d'insieme e che hanno suscitato più di qualche...

Se al primo mal di pancia la maggioranza che governa Gorizia rischia di andare gambe all'aria questa è la conseguenza di una gestione poco condivisa ed arrogante, della mancanza di dialogo con i cittadini, dell'evidente inadeguatezza di molti degli assessori, dell'incapacità di rivendicare un ruolo di protagonista per la città, spogliata come un...

Assisteremo presto alle avvisaglie di un improvvisa cotta per l'Isontino del quale a nessuno fregava niente fino e ieri. Fino a che il direttore del Messaggero Veneto e de Il Piccolo ha sollevato la "questione goriziana", da noi sempre evidenziata. Sindaco non mangia sindaco: noi, insieme a chi ci legge, andiamo avanti. Gorizia langue e sarebbe...