ANTONIO LASCIAC, DA SAN ROCCO ALL'EGITTO

31.01.2021

Un lettore ci chiede di Antonio Lasciac: eccoci. Tra il verde del colle del Rafut, subito oltreconfine, spicca una torretta simile ad un minareto. Un edificio, un opera architettonica, unica per il suo stile arabeggiante. Come mai, nel territorio del Goriziano, è presente un edificio con questo stile atipico? Per comprendere questa "stranezza" affascinante dobbiamo focalizzare l'attenzione sul suo creatore: Antonio Lasciac (1856-1946) L'architetto goriziano come ci ricorda Antonella Gallarotti, era nativo di borgo san Rocco e figlio di un conciapelli: lavorò ad Alessandria, al Cairo e persino a Costantinopoli, riscuotendo grande successo, tanto da diventare capo architetto della famiglia reale egiziana - i Khedivali - e da realizzare per loro ville e palazzi. Un goriziano che, viaggiando tra Oriente e Occidente, portò a Gorizia uno stile che potremmo definire unico. Unico perché aperto e fantasioso, uno stile che riprende elementi moreschi e orientali, rielaborati e reinterpretati ottenendo risultati completamente originali. Tra le tante cose Lasciac progettò la nuova fontana di piazza San Rocco a foggi di obelisco - prestandolo gratuitamente al suo borgo natale - mentre non vennero mai realizzati (per motivi economici) il progetto della chiesa del Sacro Cuore, il rifacimento della chiesa di San Rocco, il collegamento viario tra la stazione ferroviaria della Transalpina e il centro cittadino, la sistemazione di piazza della vittoria. Speriamo che questa piccola chicca vi abbia incuriosito su una delle tante peculiarità del nostro territorio. 

A cura di Luca Michelutti

FOTO DAL WEB


Ultimi articoli:

"Dai pressi del Caffè del Teatro sino alla stazione ferroviaria le folte siepi di malvone, che fiancheggiavano i viali di platani, sembravano un interminabile tappeto di fiori, che destava la maraviglia di tutti i forastieri..... Ben a ragione Gorizia poteva venir chiamata l'incantevole città dei fiori del Friuli Orientale, da chi dalle brume...

L'assessore regionale all'Energia Scoccimarro ha annunciato stamane di voler revisionare entro l'anno la legge sullo sconto carburanti ed eventualmente inserire nuovi comuni nel progetto, che va a supporto di una lunga e finalmente concreta battaglia goriziano-isontina per riequilibrare l'economia della fascia confinaria. Solo sulla nostra fascia...

Ricapitoliamo: 24 o 25 milioni a Pordenone, Udine e a Trieste. Progetti mirati, occasioni di sviluppo. Diciotto piazzati sul territorio dell'ex provincia di Gorizia e salomonicamente divisi tra i due capoluoghi, Monfalcone e Gorizia. Nove ciascuno. A Gorizia per progetti slegati da una visione d'insieme e che hanno suscitato più di qualche...

Se al primo mal di pancia la maggioranza che governa Gorizia rischia di andare gambe all'aria questa è la conseguenza di una gestione poco condivisa ed arrogante, della mancanza di dialogo con i cittadini, dell'evidente inadeguatezza di molti degli assessori, dell'incapacità di rivendicare un ruolo di protagonista per la città, spogliata come un...