BIDBOOK: TROPPE CARENZE STORICHE - PROTESTANO ANCHE PETTARIN E GASPARIN

27.07.2021

Gorizia3.0 continua a dare la sveglia a Gorizia (e anche alla Regione): l'onorevole Guido Pettarin aderisce alla nostra protesta per la mancanza della componente friulana nel Bidbook 2025. Lo fa a suo modo, senza citarci - ci mancherebbe! - e delimitando la protesta solo al problema "friulano", mentre è chiaro ormai che il programma della capitale Europea della Cultura ignora almeno nove secoli di storia goriziana, senza che i nostri amministratori facciano un fiato, sempre che intendano di cosa si parli.

Anche la consigliera comunale di Cormons Elena Gasparin, confermando l'aspetto bipartisan della faccenda, interviene sulla sua pagina FB a proposito della clamorosa assenza. Ma, con stile, ricorda l'impegno di Gorizia3.0 e di Rossella Dosso.*

Resta il fatto che come sempre abbiamo smosso le acque confermando ancora una volta il vuoto decisionale - e culturale - che avvolge Piazza Municipio a Gorizia. E non solo dell'amministrazione comunale ma anche di tutte quelle conventicole e istituzioni che si sciacquano la bocca con la "Gorizia multiculturale" ma tacciono clamorosamente su questa questione, assolutamente dirimente.


Gorizia3.0


*Scrive tra l'altro la Gasparin sulla sua pagina FB: La Lingua Friulana come elemento da inserire nel contesto della candidatura di Nova Gorica e Gorizia 2025 a Capitale europea della Cultura. Ho letto con gran piacere un intervento su Gorizia 3.0 di Rossella Dosso, ragazza molto in gamba e sensibile nei confronti della cultura Friulana. Ricordo Rossella come premiata in un'edizione del Premio Letterario Dolfo Zorzut. Rossella Dosso, consigliere comunale di Capriva del Friuli, fa un appello affinché nella candidatura di Nova Gorica e Gorizia a Capitale europea della Cultura venga inserito e valorizzato anche il tema della lingua friulana, della sua storia, della sua cultura.