CARLO GOLDONI E IL VINO “ FA FIGLIOLI” E LA GORIZIA DEL 700

03.01.2021

"I vini erano eccellenti; vi era un certo vino rosso che si chiamava fa figlioli e che dava motivo a delle graziose lepidezze.....". Così' un diciannovenne Carlo Goldoni a proposito dei vini serviti al pranzo, ospite dei conti Lantieri a Vipacco. Dove l'uso di quel sostantivo - lepidezze - che appare oggi desueto ma oltremodo significante ci dà la cifra dell'aura di piacevolezza e di facezia che animava il convivio. Nel quale il vino che colpì di più il commediografo non era come prevedibile: inebriante, estasiante, ubriacante. No, il Goldoni per definirlo rinviene nel suo registro narrativo un neologismo - quel fa figlioli - che potrebbe apparire poco poco sguaiato, ma che rientra in quella modalità espressiva colloquiale e popolaresca che è una delle ragioni del suo straordinario successo. Il pranzo dove " la tavola era copiosissima....vi erano sopra lepri e fagiani con un ammasso di starne, pernici, beccacce, beccaccini e tordi, e terminava la piramide con allodole e beccafichi" si tenne nel 1726, durante il suo soggiorno durato quattro mesi, al seguito del padre medico di fiducia del Conte goriziano Antonio Francesco Lantieri. Il Goldoni ci racconta nelle sue Memorie che a casa Lantieri il vino si beveva da un particolare bicchiere composto da diverse palle separate da piccoli tubi chiamato gloglo, dal quale " approssimandone alla bocca la sommità, ed alzando il gomito, il vino che passava per le palle e pe' tubi rendeva un armonioso suono". Quello riportato è uno dei tanti, piccoli episodi sopiti nel mare magnum della straordinaria storia della nostra città e che varrebbe la pena di risuscitare.

ROSSELLA DOSSO


Ultimi articoli:


Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...

Prima puntata - Il mondo alla rovescia. Tutto ciò che non è stato fatto dall'amministrazione comunale in tre anni dall'insediamento è stato messo in fila in www.goriziastrategica.it, dove i cittadini sono chiamati alla realizzazione del nuovo piano regolatore, che si muove su cinque direttrici: Gorizia cura il suo patrimonio; il verde goriziano...

Rompiamo il silenzio calato sulla vicenda Mercato coperto che tra trionfali proclami, letterine di sfratto, progetti fantasmagorici ha dimostrato soprattutto l'afasia esistente tra Comune e la Camera di commercio a trazione triestina: i due enti non si parlano tanto da aver programmato la fuoriuscita dei circa quaranta esercenti che vi lavorano...