CIUF CIUF, PARTE IL TRENO STORICO NOVA GORICA - BLED. E GORIZIA?

01.09.2020

Sono più di 35.000 i turisti di passaggio che, in 4 anni, si sono rivolti all'InfoPoint situato nella parte slovena della Piazza Transalpina. Complimenti, anche perché chi ci lavora e opera è un privato, che ha scommesso nell'impresa di creare un flusso di turisti transfrontaliero, promuovendo i territori di Gorizia e Nova Gorica: non sarebbe la "mission" del Gect?

Peccato che a Gorizia, in realtà, di transfrontaliero ci sia ben poco, anche per lo scarso interesse da parte delle nostre istituzioni cittadine nell'avanzare un serio piano di promozione del territorio goriziano e transfrontaliero. È un vero peccato perché la stragrande maggioranza dei turisti che giungono in Piazza Transalpina, vi giungono unicamente come meta di passaggio. In breve: arrivano corriere e comitive di turisti che si fermano in Piazza Transalpina quasi sempre nell'ambito di viaggi programmati che hanno come meta altre località slovene oppure Trieste. 

Qualche volta avrebbero una o due ore di tempo ore per visitare Gorizia, ma in mancanza di qualsiasi promozione o programmazione sono costretti a fuggire in fretta e furia per mete principalmente slovene: Caporetto, Lipizza, Plitvice, Grotte di Postumia. Siamo felici per gli amici sloveni, che fra l'altro godono di un trattamento fiscale che l'Italia si sogna: quindi non parliamo per favore di "territorio unico": magari fosse così. Non dimentichiamoci anche del bellissimo "treno storico" che carica vagonate di turisti che talvolta posteggiano a Gorizia, si sistemano sul treno a Nova Gorica e - ciuf ciuf - vanno ad ammirare la valle dell'Isonzo" per arrivare, mangiare, magari pernottare nella bellissima Bled. 

Capito l'antifona?Possiamo capire allora come vedere un turista a Gorizia sia evento raro ed emozionante. Sarebbe però opportuno comprendere perché questa città non sa sfruttare questi flussi di turisti e non riesce a trattenerli in città affinché possano mangiare, consumare e pernottare. Questo problema certamente è dovuto anche a una inefficace promozione di Gorizia, che si affida per ora a selfie giuntali. Un po' poco. 

LUCA MICHELUTTI

FOTO DAL WEB•

 Il programma del treno storico, dal web: Partenza dalla stazione di Nova Gorica (Slovenia) per un viaggio unico ed emozionante. Si percorrera' un tratto della storica "Ferrovia Transalpina", che venne inaugurata il 19 luglio 1906, allo scopo di completare la rete ferroviaria che collegava Vienna e l'Europa Centrale alle regioni adriatiche dell'Impero Austro Ungarico ed in particolare al porto di Trieste.Il treno storico verra' trainato da una locomotiva a vapore del Museo Ferroviario di Lubiana. Nel caso di pericolo di incendi la locomotiva a vapore verra' sostituita da un locomotore diesel. Appena uscita dalla stazione ferroviaria di Nova Gorica comincia il tratto piu' bello ed suggestivo della famosa ferrovia Transalpina incastonata tra paessagi di incomparabile e mutevole bellezza, costeggiando bellissimi fiumi come l'Isonzo e la Sava.Arrivo alla stazione di Bled e trasferimento in pullman al castello per una visita guidata. Seguira il pranzo in un ristorante sul lago. Dopo il pranzo tempo a disposizione per una visita della cittadina e del suo lago, una delle piu belle e rinomate localita' di villeggiatura della Slovenia. Una guida accompagnera' per tutto il viaggio i passeggeri del treno storico.