CORSO ITALIA A SENSO UNICO DA CECCO BEPPE A ROOSVELT

03.02.2021

"Dai pressi del Caffè del Teatro sino alla stazione ferroviaria le folte siepi di malvone, che fiancheggiavano i viali di platani, sembravano un interminabile tappeto di fiori, che destava la maraviglia di tutti i forastieri..... Ben a ragione Gorizia poteva venir chiamata l'incantevole città dei fiori del Friuli Orientale, da chi dalle brume boreali veniva bearsi del nostro bel cielo di croco e di cobalto". Cosi Ranieri Mario Cossar racconta il nostro Corso nella sua Gorizia d'altri tempi Il raccordo del Corso Verdi alla Stazione ferroviaria meridionale fu realizzato nel 1860 tramite la creazione di un ampio viale alberato con ai lati della strada spaziose corsie pedonali, a fianco delle quali furono piantati ben 440 platani. Portava al centro e se ne poteva uscire. Quest'ultima possibilità, chissà perché non sarà più concessa.

Per celebrare i 25 anni dell'ascesa al trono dell'Imperatore d'Austria e Ungheria, nel 1873 divenne Corso Francesco Giuseppe e nel novembre del 1918 fu chiamato Corso Vittorio Emanuele III, in onore al re d'Italia. Nel settembre del 1943, con l'armistizio, il Corso fu intitolato all'aviatore fascista Ettore Muti, mentre nel maggio del 1945, durante l'occupazione titina prese il nome di Corso Tito per poi - ammiccando agli alleati Americani - diventare Corso Roosvelt. Ma i Goriziani lo chiamavano Corso Italia, e il richiamo patriottico è rimasto. Fino a qualche giorno fa quando, pur senza cambiare nome, ha conosciuto una trasformazione che lo ha trasformato in un budello plurifuzionale, che volendo accontentare automobilisti, tramvieri, ciclisti, motoristi, ciclisti, pedoni, bambini, aviatori equini e animali domestici (questo ultimi non votano) ha deluso tutti. deformando le caratteristiche originarie di questo bel viale, che ha attraversato austero 160 anni di storia cittadina e che i Goriziani vogliono rimanga quale è sempre stato: il simbolo della Nizza Austriaca.

Rossella Dosso

Foto dal web


Ultimi articoli:

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...

Prima puntata - Il mondo alla rovescia. Tutto ciò che non è stato fatto dall'amministrazione comunale in tre anni dall'insediamento è stato messo in fila in www.goriziastrategica.it, dove i cittadini sono chiamati alla realizzazione del nuovo piano regolatore, che si muove su cinque direttrici: Gorizia cura il suo patrimonio; il verde goriziano...

Rompiamo il silenzio calato sulla vicenda Mercato coperto che tra trionfali proclami, letterine di sfratto, progetti fantasmagorici ha dimostrato soprattutto l'afasia esistente tra Comune e la Camera di commercio a trazione triestina: i due enti non si parlano tanto da aver programmato la fuoriuscita dei circa quaranta esercenti che vi lavorano...