CORSO ITALIA A SENSO UNICO: PERCHÉ?

17.01.2021

Continuiamo a non capire il senso della decisione del Comune di Gorizia di rendere il Corso Italia a senso unico in entrata senza un ripensamento più generale in merito alla viabilità cittadina. Può darsi che il provvedimento risolva alcuni problemi di viabilità e vivibilità ma manca di una visione d'insieme che dovrebbe partire dall'esame storico- topografico di Gorizia, così diversa da altre città per la sua identità policentrica.
Gorizia ha un centro storico che è nato sul colle del Castello e dintorni e che si è poi sviluppato nel-la cerchia che va all'incirca da Palazzo Attems fino a Palazzo Lantieri passando per via Rastello: luoghi che le ristrutturazioni avvenute dagli anni '90 in poi ha reso presentabili, al di là delle critiche possibili e legittime. Molti ricorderanno qualcuno ricorderà com'era ridotta piazza Vittoria prima del rifacimento: un parcheggio dissestato, tipo l'attuale Piazzale della Casa Rossa. Di quel progetto di riassetto urbanistico faceva parte anche la salita meccanica al maniero.
Nell'Ottocento e nel Novecento la città si è allungata verso la nuova stazione ferroviaria e Corso Verdi e Corso Italia sono diventati il centro commerciale della città, le vie della "movida". Ma pensiamo anche alla stupenda e abbandonata Piazzutta, alla purtroppo agonizzante via Carducci, alla desertica Piazza Vittoria, a Montesanto. Una città policentrica e senz'altro difficile da gestire urbanisticamente.
Ma Gorizia è questa, costruita nei secoli dai goriziani: se il Corso Italia è la porta d'entrata, senz'altro di una certa bellezza, non si capisce perché debba subire quello stop improvviso in Corso Verdi, che costringe l'eventuale e turista a dispersivi contorcimenti per raggiungere piazza Vittoria, le vie e i luoghi più pregiati della nostra città. Una via di scorrimento che è l'arteria giugulare, che se non avesse interruzioni collegherebbe velocemente i vari "centri", i monumenti più prestigiosi, sempre che siano ben segnalati e reclamizzati.
Il tratto a senso unico di Corso Verdi che potrebbe portare fino all'ex ghetto consentirebbe anche il posteggio temporaneo a vantaggio del commercio già così asfittico di Gorizia. Serve quell'interruzione che avrebbe dovuto favorire il commercio e che per la maggior parte della settimana è vuota o quasi? E' una domanda: la risposta sottintende un ragionamento sul futuro stesso della città. Forse è pretendere troppo?


Gorizia3.0


Ultimi articoli:


"Dai pressi del Caffè del Teatro sino alla stazione ferroviaria le folte siepi di malvone, che fiancheggiavano i viali di platani, sembravano un interminabile tappeto di fiori, che destava la maraviglia di tutti i forastieri..... Ben a ragione Gorizia poteva venir chiamata l'incantevole città dei fiori del Friuli Orientale, da chi dalle brume...

L'assessore regionale all'Energia Scoccimarro ha annunciato stamane di voler revisionare entro l'anno la legge sullo sconto carburanti ed eventualmente inserire nuovi comuni nel progetto, che va a supporto di una lunga e finalmente concreta battaglia goriziano-isontina per riequilibrare l'economia della fascia confinaria. Solo sulla nostra fascia...

Ricapitoliamo: 24 o 25 milioni a Pordenone, Udine e a Trieste. Progetti mirati, occasioni di sviluppo. Diciotto piazzati sul territorio dell'ex provincia di Gorizia e salomonicamente divisi tra i due capoluoghi, Monfalcone e Gorizia. Nove ciascuno. A Gorizia per progetti slegati da una visione d'insieme e che hanno suscitato più di qualche...

Se al primo mal di pancia la maggioranza che governa Gorizia rischia di andare gambe all'aria questa è la conseguenza di una gestione poco condivisa ed arrogante, della mancanza di dialogo con i cittadini, dell'evidente inadeguatezza di molti degli assessori, dell'incapacità di rivendicare un ruolo di protagonista per la città, spogliata come un...

Assisteremo presto alle avvisaglie di un improvvisa cotta per l'Isontino del quale a nessuno fregava niente fino e ieri. Fino a che il direttore del Messaggero Veneto e de Il Piccolo ha sollevato la "questione goriziana", da noi sempre evidenziata. Sindaco non mangia sindaco: noi, insieme a chi ci legge, andiamo avanti. Gorizia langue e sarebbe...