CORSO ITALIA A SENSO UNICO: PERCHÉ?

17.01.2021

Continuiamo a non capire il senso della decisione del Comune di Gorizia di rendere il Corso Italia a senso unico in entrata senza un ripensamento più generale in merito alla viabilità cittadina. Può darsi che il provvedimento risolva alcuni problemi di viabilità e vivibilità ma manca di una visione d'insieme che dovrebbe partire dall'esame storico- topografico di Gorizia, così diversa da altre città per la sua identità policentrica.
Gorizia ha un centro storico che è nato sul colle del Castello e dintorni e che si è poi sviluppato nel-la cerchia che va all'incirca da Palazzo Attems fino a Palazzo Lantieri passando per via Rastello: luoghi che le ristrutturazioni avvenute dagli anni '90 in poi ha reso presentabili, al di là delle critiche possibili e legittime. Molti ricorderanno qualcuno ricorderà com'era ridotta piazza Vittoria prima del rifacimento: un parcheggio dissestato, tipo l'attuale Piazzale della Casa Rossa. Di quel progetto di riassetto urbanistico faceva parte anche la salita meccanica al maniero.
Nell'Ottocento e nel Novecento la città si è allungata verso la nuova stazione ferroviaria e Corso Verdi e Corso Italia sono diventati il centro commerciale della città, le vie della "movida". Ma pensiamo anche alla stupenda e abbandonata Piazzutta, alla purtroppo agonizzante via Carducci, alla desertica Piazza Vittoria, a Montesanto. Una città policentrica e senz'altro difficile da gestire urbanisticamente.
Ma Gorizia è questa, costruita nei secoli dai goriziani: se il Corso Italia è la porta d'entrata, senz'altro di una certa bellezza, non si capisce perché debba subire quello stop improvviso in Corso Verdi, che costringe l'eventuale e turista a dispersivi contorcimenti per raggiungere piazza Vittoria, le vie e i luoghi più pregiati della nostra città. Una via di scorrimento che è l'arteria giugulare, che se non avesse interruzioni collegherebbe velocemente i vari "centri", i monumenti più prestigiosi, sempre che siano ben segnalati e reclamizzati.
Il tratto a senso unico di Corso Verdi che potrebbe portare fino all'ex ghetto consentirebbe anche il posteggio temporaneo a vantaggio del commercio già così asfittico di Gorizia. Serve quell'interruzione che avrebbe dovuto favorire il commercio e che per la maggior parte della settimana è vuota o quasi? E' una domanda: la risposta sottintende un ragionamento sul futuro stesso della città. Forse è pretendere troppo?


Gorizia3.0


Ultimi articoli:


Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...