CORSO ITALIA RESTI A DUE SENSI, LANCIATA UNA PETIZIONE

Ci è sembrato dall'inizio che l'iniziativa del senso unico in Corso Italia non avesse senso compiuto e ci chiediamo quali interessi goriziani possa compiacere. E' una complicazione delle cose semplici di qualche studio urbanistico o nasce spontaneamente da Piazza municipio? In ogni caso non ha avuto una bella accoglienza tanto che Giulia Roldo, insieme ad alcuni goriziani ha pensato di indire una petizione di cui riportiamo premesse, considerazioni, richieste, peraltro ben argomentate.  

Per poter firmare la petizione clicca questo link

Ecco comunque il testo:

PETIZIONE POPOLARE

Al Sindaco di Gorizia, ex art.75 vigente Statuto Comunale, avente ad oggetto: "Ripristino della viabilità a doppio senso in Corso Italia e realizzazione del piano del traffico del Comune di Gorizia"

PREMESSO

  • Che per la presente petizione si fa riferimento alla modifica della viabilità di Corso Italia (Gorizia), che introduce il senso unico per tutta la lunghezza della suddetta strada;
  • che l'Amministrazione non ha presentato un piano del traffico in cui fosse inclusa la suddetta modifica; 
  • che la Giunta comunale può approvare una modifica alla viabilità senza passare per il consiglio comunale, nella misura in cui si tratti di una modifica e non di un nuovo piano del traffico

CONSIDERATO 

  • che nel programma elettorale della giunta in carica non era fatta menzione della modifica della viabilità in oggetto;
  • che la modifica è stata introdotta con una delibera di giunta, per non passare al vaglio del consiglio comunale; 
  • che all'interno del territorio comunale sono presenti problematiche legate alla sicurezza stradale già sottoposti all'attenzione dell'Amministrazione che necessiterebbero di un intervento più urgente;
  • che l'emergenza Covid -imponendo limiti alla circolazione- riduce drasticamente il traffico in questo periodo impedendo una valutazione oggettiva delle conseguenze che la modifica avrà nel lungo periodo;

RILEVATO

  • Che non erano mai emersi problemi legati alla viabilità a doppio senso nel tratto di strada oggetto della modifica;
  • Che i lavori per la modifica della viabilità avviati hanno creato disagio e disapprovazione da parte di un significativo numero di cittadini;
  • che la modifica della viabilità, impone un cambiamento delle tratte dei trasporti pubblici, che crea disagio agli utenti dei suddetti mezzi e in particolar modo alla fascia più anziana della popolazione;

RITENUTO

  • Che sia pericoloso ubicare i posteggi per i portatori di handicap sul lato sinistro della carreggiata e in posizione adiacente alla pista ciclabile; 
  • Che in seguito alla modifica della viabilità si allungheranno i tempi necessari per percorrere anche brevi tragitti, aumentando quindi la circolazione dei mezzi di trasporto e il conseguente smog da esso provocato; 

SI SOTTOSCRIVE LA SEGUENTE PETIZIONE AL FINE DI CHIEDERE: 

  1. Di sospendere i lavori attualmente in atto 
  2. Di ripristinare la viabilità alla situazione ex ante nel tratto in cui la viabilità è già stata modificata;
  3. Di realizzare un piano del traffico completo che analizzi l'attuale viabilità e preveda un'eventuale modifica della stessa per l'intera città, che tenga in considerazione l'impatto ambientale del traffico, l'accessibilità per le categorie più sensibili e la tutela del territorio; 
  4. Di dare priorità laddove emergano, alle modifiche urbanistiche dalla cui attuazione o non-attuazione dipendono la sicurezza e il benessere dei cittadini;
  5. Di delineare un progetto per la circolazione di biciclette che non richieda solo la creazione di piste ciclabili, ma si prefigga di mettere in sicurezza cicli e pedoni anche laddove la realizzazione di una pista ciclabile stricto sensu non fosse possibile;
  6. Di sottoporre eventuali futuri lavori analoghi all'attenzione del Consiglio Comunale al quale i cittadini mediante il voto, hanno conferito il mandato di decidere su tematiche relative alla gestione della città Gorizia3.0foto dal web.