CORSO ITALIA SENZA SENSO

Il senso unico di Corso Italia continua a sollevare polemiche. Non si capisce la necessità dell'intervento, tra l'altro non inserito in un ripensamento globale della viabilità goriziana. Una costrizione del traffico che tra l'altro si infrange contro l'"isola pedonale" di Corso Verdi, che sballa tutto. Raggiungere il centro storico è difficile, soprattutto per chi non conosce Gorizia, che per fortuna non è New York, nonostante il costruendo Central Park.

Opinioni differenti e anche qualche plauso all'iniziativa. Dice Franco Perazza, segretario comunale del Pd "manca un quadro di insieme: sia dal punto di vista del traffico, che della visione dello sviluppo che si vuol perseguire per la città. E poi non bisognerebbe immaginare traffici automobilistici in aumento, ma accessi al centro intelligenti, che tengano le macchine fuori dal centro anche se non proprio pensando all'arrivo di turisti. Basta vedere Spoleto, Perugia e altre città simili a vocazione culturale turistica."

Il consigliere comunale Rinaldo Roldo commenta: "... quando si prendono scelte cosi importanti e cosi insensate, che vanno a detrimento della città è necessario a mio avviso dissociarsi. Sono inoltre convinto che le decine di migliaia di euro gettate per questa operazione potessero servire a scopi più utili, come la rimessa in sesto di via disastrate ...Credo infine che sia inutile dire adesso "ascolteremo le osservazioni dei cittadini", perché il loro parere andava sentito semmai prima di scombussolare loro la vita, ma ormai é evidente che la gestione della cosa pubblica si riduce a dirette facebook e idee improvvisate, da cui personalmente mi dissocio.

"Roberto Buffolini : "Già aver spezzato il corso, la "spina dorsale" della città voluta nell'Ottocento per collegare Nord e Sud, con la zona pedonale è stato azzardato. Non vorrei che l'istituzione di questo senso unico uccida definitivamente Gorizia. Chi vivrà vedrà. Positivo il giudizio di Giuliano Damian che commenta: "Non siamo sempre chiusi alle novità! Io sono favorevole..

"Silvano Mazzolini: "Penso che quanto scritto ha più senso cioè quello di continuare il senso unico anche a Corso Verdi...ma questo è un piano che va visto e condiviso con tutti e valutare le conseguenze e i benefici. Altrimenti è meglio rimanere così come ora."

Gorizia3.0 


Ultimi articoli:


"Dai pressi del Caffè del Teatro sino alla stazione ferroviaria le folte siepi di malvone, che fiancheggiavano i viali di platani, sembravano un interminabile tappeto di fiori, che destava la maraviglia di tutti i forastieri..... Ben a ragione Gorizia poteva venir chiamata l'incantevole città dei fiori del Friuli Orientale, da chi dalle brume...

L'assessore regionale all'Energia Scoccimarro ha annunciato stamane di voler revisionare entro l'anno la legge sullo sconto carburanti ed eventualmente inserire nuovi comuni nel progetto, che va a supporto di una lunga e finalmente concreta battaglia goriziano-isontina per riequilibrare l'economia della fascia confinaria. Solo sulla nostra fascia...

Ricapitoliamo: 24 o 25 milioni a Pordenone, Udine e a Trieste. Progetti mirati, occasioni di sviluppo. Diciotto piazzati sul territorio dell'ex provincia di Gorizia e salomonicamente divisi tra i due capoluoghi, Monfalcone e Gorizia. Nove ciascuno. A Gorizia per progetti slegati da una visione d'insieme e che hanno suscitato più di qualche...

Se al primo mal di pancia la maggioranza che governa Gorizia rischia di andare gambe all'aria questa è la conseguenza di una gestione poco condivisa ed arrogante, della mancanza di dialogo con i cittadini, dell'evidente inadeguatezza di molti degli assessori, dell'incapacità di rivendicare un ruolo di protagonista per la città, spogliata come un...

Assisteremo presto alle avvisaglie di un improvvisa cotta per l'Isontino del quale a nessuno fregava niente fino e ieri. Fino a che il direttore del Messaggero Veneto e de Il Piccolo ha sollevato la "questione goriziana", da noi sempre evidenziata. Sindaco non mangia sindaco: noi, insieme a chi ci legge, andiamo avanti. Gorizia langue e sarebbe...