DEL NERI RICCARDO (1886 - 1964)

21/03/2020

Born on 19 October 1886, at the end of his studies at the Polytechnic of Vienna, Riccardo Del Neri entered the Municipal Technical Office of Gorizia as a civic engineer. Convinced patriot, member of the liberal-national party of Gorizia, after the entry into the war of Italy's mayor and city council had been declared decadent, he took care of hiding the symbols of Italianness such as the numerous tricolours deposited in the Town Hall, to avoid an accusation of treason to the administrators. He was engaged in the work of emergency intervention during the cannon fire of the city (from 1915 he was commander of the civic fire brigade), in August 1916 he did not follow the Austrians in retreat and gave refuge in the basements of the City Hall to civilians who did not intend to leave the city. 

All'arrivo delle truppe italiane, l'ingegner Del Neri si mise a loro disposizione, con tutta la sua conoscenza dell'apparato municipale e delle strutture tecniche e logistiche della città e del circondario. Il suo contributo fu prezioso, e al momento della rotta di Caporetto e del necessario abbandono di Gorizia da parte degli italiani, Del Neri e la sua famiglia furono inclusi tra i goriziani portati in salvo per evitare accuse e ritorsioni. Mentre si trovava profugo a Firenze, l'ingegner Del Neri non cessò di occuparsi della sua Gorizia, predisponendo un piano regolatore per la ricostruzione della città, pesantemente danneggiata dai bombardamenti nel corso delle alterne fasi del conflitto. Rientrato a Gorizia e ripreso il suo lavoro di ingegnere comunale, diede il suo contributo alla ricostruzione anche nell'ambito della commissione edilizia. Dal 1921 al 1936, proprio nella fase più intensa dei lavori che dovevano restituire la città alla sua vivibilità dopo i gravissimi danni subiti, fu ingegnere capo del Comune, legando così il suo nome all'assetto della Gorizia moderna che conosciamo. Riccardo Del Neri morì a Gorizia il 13 settembre 1964.