en-GORIZIA SI PRESENTA LO SCHIFO DI CASA ROSSA

04/11/2020

La Casa Rossa è il valico principale per andare sin Slovenia. È anche la più frequentata porta d'accesso alla nostra città che si vorrebbe "turistica", come da gargarismi dei notabili. Qualche mese fa è stata al centro della nostra attenzione con un post che ha raccolto molte commenti e idee su come trasformare questo piazzale ormai abbandonato in una zona più vivibile. Ma ad oggi è una vera tristezza passare per Casa Rossa. In questo luogo ci sono il mercato ogni quindici giorni, un bar e una storica e rinomata pizzeria, la "Piccola Capri".

Ma c'è anche un baraccamento modello Beirut dopo le bombe attaccato alla pizzeria e alla palazzina d'appartamenti. E proprio attorno a questo "splendore" di baracca nel mezzo del piazzale c'e un bel materasso con tanto di coperta, un armadio improvvisato riempito di vestiti, una bicicletta nascosta da una coperta e fuori la recinzione una carrozzella per invalidi che fa d'arredo (vedasi foto sottostanti). Insomma una casetta senza pareti a cielo aperto nel piazzale di confine. Probabilmente ci abita una persona che versa in condizioni disumane dimenticata da tutti. Ma vi sembra giusto? Una condizione che non stupisce poiché in Italia i cosiddetti mendicanti purtroppo ci sono sempre stati. È veramente scandaloso il fatto che quest'uomo sia lasciato lì al centro di Casa Rossa in mezzo alla sporcizia, chiaramente visibile per terra senza che il Comune intervenga tramite i servizi sociali. Ammesso che li ci stia qualcuno, ma dalle foto sembrerebbe di si. Se la competenza è di un privato sarebbe il caso di intimarlo a togliere le schifezze. Ci dovrebbero pensare comunque gli uffici comunali o quelli sanitari. Chi ci va per la prima volta non può far a meno di pensare che è una vergogna vedere una cosa del genere, una specie di discarica. Si può star sicuri che di lì non ci passeranno proprio più i turisti. Forse è meglio dare una bella ripulita al piazzale di Casa Rossa ed assicurarsi che se li ci vive un uomo , questo possa dormire in una struttura adeguata ed avere ogni giorno almeno un pasto caldo.

ROSSELLA DOSSO


Altri articoli:


Percorrendo la strada che dall'abitato di Mossa conduce all'ex valico di Vipolze non si può non notare, sulla sinistra, un bell'edificio, che ci richiama ad una storia antica. Qui Giovanni Battista Blanch nel lontano 1904 aprì la sua osteria per accogliere chi, di ritorno dai campi, si fermava per un bicchiere di vino e uno spuntino. Ma anche chi...

Nata a Feltre nel 1921, B. è stata una «personalità che ha attraversato con entusiasmo e intelligenza, aree tematiche e soluzioni formali diverse» (Del Guercio, 1993), muovendosi tra la scultura in metallo e ceramica, la pittura, l'incisione, operando anche nel campo della progettualità, delle installazioni, della critica e della letteratura. In...

Roberto Kusterle nasce a Gorizia nel 1948, dove tuttora vive e lavora. Attivo dagli anni Settanta nel campo delle arti visive, si dedica alla pittura e alle installazioni fino all'incontro con la fotografia, che elegge strumento ideale per la propria ricerca espressiva. I primi scatti sono esposti presso lo Studio d'arte Nadia Bassanese di Trieste...

Lindo Colonnello è stato un pittore goriziano nato nel 1910 a Spilimbergo (Pordenone) e morto nel 1990 a Gorizia. A Spilimbergo ha conseguito nel 1925 il diploma della scuola Dante, iniziando subito dopo e ancora giovanissimo la sua attività artistica. Ha ottenuto le sue prime affermazioni a Gorizia dove ha vissuto e lavorato per...

Julius Kugy fosse era goriziano di nascita e trascorse i primi giorni di vita nella nostra città. Lo ricordò egli stesso nella sua autobiografia: "Sono nato il 19 luglio 1858 nella Villa Grafenberg del conte Coronini a Gorizia, quando a Trieste infieriva un'epidemia di colera. Chi sa se la mia predilezione per l'Isonzo, per le Alpi Giulie dalle...