en-IL CARRO DEL VINCITORE

04/07/2020

Si chiamerà Edr: Ente di decentramento regionale. Suonava meglio Provincia, ma tant'è. Ciò che conta è che l'ente sia "risorto" per ridelineare i contorni fisici e le competenze che facevano capo alle ex province, scelleratamente cancellate dalla sinistra quando era al governo regionale, propinandoci poi quell'obbrobrio politico-amministrativo rappresentato dalle UTI. Delle quali nessuno ne ha rimpianto la dipartita, mentre ora sono in tanti a stappare lo spumante in omaggio al nuovo ente, rivendicando meriti e paternità che in realtà non hanno.


Fin dal suo esordio Gorizia3.0 si è battuta per il ripristino di un organismo che ereditasse le funzioni dell'ex Provincia in nome dell'identità storica e culturale del nostro territorio e delle genti che lo han-no abitato e lo abitano. Sono in pochi a poter mettere il cappello sulle Edr tra cui annoveriamo, per quanto riguarda i rappresentanti dell'Isontino, senz'altro il consigliere regionale Diego Bernardis, di cui non ci importa l'appartenenza politica ma i fatti e le idee che ha portato avanti. 

Notiamo invece sull'argomento, scorrendo all'indietro i comunicati stampa e le prese di posizione ufficiali e ufficiose, una grave assenza della classe politica di Gorizia.


Ermes Dosso

Ultimi articoli:

Percorrendo la strada che dall'abitato di Mossa conduce all'ex valico di Vipolze non si può non notare, sulla sinistra, un bell'edificio, che ci richiama ad una storia antica. Qui Giovanni Battista Blanch nel lontano 1904 aprì la sua osteria per accogliere chi, di ritorno dai campi, si fermava per un bicchiere di vino e uno spuntino. Ma anche chi...

Nata a Feltre nel 1921, B. è stata una «personalità che ha attraversato con entusiasmo e intelligenza, aree tematiche e soluzioni formali diverse» (Del Guercio, 1993), muovendosi tra la scultura in metallo e ceramica, la pittura, l'incisione, operando anche nel campo della progettualità, delle installazioni, della critica e della letteratura. In...

Roberto Kusterle nasce a Gorizia nel 1948, dove tuttora vive e lavora. Attivo dagli anni Settanta nel campo delle arti visive, si dedica alla pittura e alle installazioni fino all'incontro con la fotografia, che elegge strumento ideale per la propria ricerca espressiva. I primi scatti sono esposti presso lo Studio d'arte Nadia Bassanese di Trieste...