en-SAN ROCCO E IL FRIULANO

10/11/2020

Nell'Ottocento molti goriziani, si esprimevano in ben quattro lingue (italiano, friulano, tedesco e sloveno), rappresentando il nostro territorio il punto d'incontro tra le tre principali aree linguistiche europee: neo-latina, slava e germanica; e nel 1880 quasi il 75% di essi parlavano friulano. Sono trascorsi 140 anni, che non sono pochi ma nemmeno secula seculorum, e oggi in città quelli che parlano in friulano sono rari come le mosche bianche. Fatta eccezione per Lucinico, che pur sentendosi parte del capoluogo, rivendica dalla sua posizione periferica una propria orgogliosa autonomia chesi fon-da proprio sulla friulanità. 

E San Rocco, pardòn, Borc San Roc che nel cuore di Gorizia tiene alta la bandiera dell'appartenenza ai valori di un'identità friulana che, con il carico lieve delle sue tradizioni e delle sue consuetudini, con giustificata alterezza sa preservare, enfatizzare e diffondere. Lo fa attraverso il sodalizio sorto nel 1973 sotto il nome di Centro per la Conservazione e la Valorizzazione delle Tradizioni popolari di Borgo San Rocco che promuove durante tutto l'anno una serie di eventi e di iniziative tra le quali spicca la pubblicazione annuale della rivista "Borc San Roc", che raccoglie i contributi preziosi di storici e ricercatori di rilievo. 

Nessun altro - ci riferiamo agli enti e al-le istituzioni cittadine - si cura di salvaguardare la friulanità di Gorizia, che perdendo tale patrimonio identitario dal quale tanti pregevoli contributi culturali e letterari ha ricevuto, impoverisce la sua complessa identità.


ERMES DOSSO


Altri articoli:


Percorrendo la strada che dall'abitato di Mossa conduce all'ex valico di Vipolze non si può non notare, sulla sinistra, un bell'edificio, che ci richiama ad una storia antica. Qui Giovanni Battista Blanch nel lontano 1904 aprì la sua osteria per accogliere chi, di ritorno dai campi, si fermava per un bicchiere di vino e uno spuntino. Ma anche chi...

Nata a Feltre nel 1921, B. è stata una «personalità che ha attraversato con entusiasmo e intelligenza, aree tematiche e soluzioni formali diverse» (Del Guercio, 1993), muovendosi tra la scultura in metallo e ceramica, la pittura, l'incisione, operando anche nel campo della progettualità, delle installazioni, della critica e della letteratura. In...

Roberto Kusterle nasce a Gorizia nel 1948, dove tuttora vive e lavora. Attivo dagli anni Settanta nel campo delle arti visive, si dedica alla pittura e alle installazioni fino all'incontro con la fotografia, che elegge strumento ideale per la propria ricerca espressiva. I primi scatti sono esposti presso lo Studio d'arte Nadia Bassanese di Trieste...

Lindo Colonnello è stato un pittore goriziano nato nel 1910 a Spilimbergo (Pordenone) e morto nel 1990 a Gorizia. A Spilimbergo ha conseguito nel 1925 il diploma della scuola Dante, iniziando subito dopo e ancora giovanissimo la sua attività artistica. Ha ottenuto le sue prime affermazioni a Gorizia dove ha vissuto e lavorato per...

Julius Kugy fosse era goriziano di nascita e trascorse i primi giorni di vita nella nostra città. Lo ricordò egli stesso nella sua autobiografia: "Sono nato il 19 luglio 1858 nella Villa Grafenberg del conte Coronini a Gorizia, quando a Trieste infieriva un'epidemia di colera. Chi sa se la mia predilezione per l'Isonzo, per le Alpi Giulie dalle...