ENRICO II IL CONTE TEMERARIO. ALLA CONQUISTA DI PADOVA E TREVISO

27.12.2020

Enrico Secondo fu forse il più affascinante tra i Conti goriziani: aveva sposato Beatrice, rampolla dei da Camino e aveva certamente ammirato l'opulenza e lo sfarzo delle corti dei principi italiani. Operò per ingrandire il suo territorio che alla sua morte andava dall'Istria alla Carinzia dall'Attuale Slovenia al Veneto. Un grande della storia di Gorizia: e la sua morte, durante una banchetto, suscitò molti interrogativi. Leggete qui. Enrico II, nato nel 1266 e figlio Alberto II, fu forse il personaggio più affascinante della casata goriziana dei Mainardini. Il Conte crebbe con una buona educazione italiana, tanto da alimentare la leggenda di un soggiorno di Dante alla sua corte. Nel 1297 sposò Beatrice , figlia di Gherardo III da Camino (il "buon Gherardo" come lo chiamò Dante ), e successivamente, nel primo ventennio del Trecento, riuscì ampiamente a dominare nella politica friulana del tempo. Il Conte, molto stimato dal Duca d'Austria Federico d'Asburgo, si distinse infatti per l'affermazione dell' autorità comitale a netto discapito di quella patriarcale: basti pensare che , nel 1313 , il patriarca Ottobono ne riconobbe la superiorità e gli conferì la carica di capitano generale a vita. Insediatosi in un momento di grande potenza della Contea di Gorizia , Enrico II accarezzò il sogno di espandere i suoi possedimenti in territorio italiano. 

CONQUISTE IN VENETO

L'Italia, con la sua cultura raffinata e la sua forte economia , era sempre al centro dei desideri di principi e imperatori tedeschi: una conquista sempre agognata. Ma tra Gorizia e la pianura padano - veneta c'era sempre l'ostacolo del Patriarcato. Enrico II mise in atto una strategia che mirava a sconfiggerlo definitivamente. Occupando parte della Carnia, basandosi sui possedimenti in Tirolo e in Carinzia, conquistando il Trevigiano e Padova, Enrico II riuscì a circondare il Patriarcato. Questo suo piano , se completato, lo avrebbe reso indiscutibilmente padrone del Friuli e di parte del Veneto. Per riuscirvi, il Conte si alleò dapprima con Verona scendendo a patti con Cangrande della Scala e, confidando nella neutralità di Venezia e con il benestare dell'imperatore Federico II il bello , marciò verso Treviso e Padova, assoggettando queste città nel 1319. I domini spaziavano dal Brenta alla Croazia , dalla Val Pusteria al Golfo del Quarnero ed Enrico II si decise di affrontare i della Scala di Verona. A Padova però, dopo i primi entusiasmi , cominciavano a serpeggiare i malumori provocati dalla condotta violenta degli armigeri tedeschi al servizio di Enrico II. Le trattative di pace favorirono lo scaligero Cangrande , che, attraverso intese segrete, riprendeva Bassano , restituendo a Enrico II i castelli di Asolo e Montebelluna. Il dominio di Enrico II iniziava a sgretolarsi. 

IL GIALLO DELLA SUA MORTE

Ma il nostro Conte non avrebbe mai visto il crollo della sua opera : nel 1323 , all'età di 57 anni , la morte lo colse improvvisa durante il banchetto organizzato per le nozze della figlia Elisabetta. Si parlò anche di un avvelenamento da parte dei sicari di Cangrande della Scala: è più probabile che Enrico morì a causa di una congestione. Enrico II fu un protagonista e pari per astuzia , intelligenza e ambizione , ai grandi signori italiani del tempo. Si trovava a operare in un contesto nel quale Venezia e i vicini Asburgo erano agli inizi della loro potenza : non a caso , dunque , il Conte osservò sempre un atteggiamento amichevole e prudente nei confronti della Signoria veneziana , evitando deliberatamente ogni aperto conflitto. 

LA CITTADINANZA VENEZIANA

Al punto che , nel 1313 , Enrico II ricevette la cittadinanza veneziana , e nel 1321 , quando si recò a Venezia con la moglie , il Consiglio dei Dieci , organo supremo della vita politica veneziana , gli concesse di dotarsi di un seguito armato, testimoniando così "l' amore e l'onore verso il Conte". Due anni prima era venuta a mancare la moglie di Enrico, Beatrice , e il Conte , preoccupato per la sua discendenza , si era unito in matrimonio alla principessa Beatrice di Baviera, che gli avrebbe dato il figlio Giovanni Enrico. 

Antonio Devetag


Ultimi articoli:


Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...

Prima puntata - Il mondo alla rovescia. Tutto ciò che non è stato fatto dall'amministrazione comunale in tre anni dall'insediamento è stato messo in fila in www.goriziastrategica.it, dove i cittadini sono chiamati alla realizzazione del nuovo piano regolatore, che si muove su cinque direttrici: Gorizia cura il suo patrimonio; il verde goriziano...

Rompiamo il silenzio calato sulla vicenda Mercato coperto che tra trionfali proclami, letterine di sfratto, progetti fantasmagorici ha dimostrato soprattutto l'afasia esistente tra Comune e la Camera di commercio a trazione triestina: i due enti non si parlano tanto da aver programmato la fuoriuscita dei circa quaranta esercenti che vi lavorano...