FACCIAMO DI GORIZIA UNA VERA CAPITALE

19.01.2021

Gorizia ha oltre mille anni di Storia "ufficiale": traguardando il 2025 (Città Europea della Cultura) sarebbe controproducente focalizzare l'attenzione esclusivamente sul Novecento e trascurare i secoli in cui questo territorio fu più molto spesso felicemente unito fino al 1945. Una città che dimentica la sua storia non è più città ma paesino, e questo è un destino che sembra battere alle nostre porte ma a cui non ci vogliamo assoggettare.

Incentrare l'attenzione solo sul "secolo breve" significherebbe assecondare quello sguardo ideologico e partitico per il quale a ogni elezione a Gorizia, invece di parlare dei problemi reali, dei concreti bisogni, delle strutture necessarie e della difesa dell'esistente ci si avvita in una spirale di polemiche su cui molti più o meno illustri personaggi hanno costruito le loro fortune. Lasciamo agli storici l'analisi di un secolo tremendo, e pensiamo alla nuova armonia nata dopo la caduta del Muro di Berlino, ma promossa a Gorizia già nei decenni precedenti da politici lungimiranti.

Oggettivare il Novecento è difficile: ma tentiamo in occasione del 2025 di non rinfocolare risentimenti e mettiamo in una vetrina continentale le particolarità strepitose di una città che è stata ed è ancora - bisogna conoscerla invece di indugiare in inutili selfie - creatrice di una cultura complessa e particolare, frutto di un originale mix di culture. Gorizia e Nova Gorica hanno in comune un territorio, il Goriziano, che custodisce il tesoro di una millenaria storia comune, che in Europa, ma anche in Italia, pochi conoscono.

Gorizia3.0 - Luca Michelutti


Ultimi articoli:


Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...

Prima puntata - Il mondo alla rovescia. Tutto ciò che non è stato fatto dall'amministrazione comunale in tre anni dall'insediamento è stato messo in fila in www.goriziastrategica.it, dove i cittadini sono chiamati alla realizzazione del nuovo piano regolatore, che si muove su cinque direttrici: Gorizia cura il suo patrimonio; il verde goriziano...

Rompiamo il silenzio calato sulla vicenda Mercato coperto che tra trionfali proclami, letterine di sfratto, progetti fantasmagorici ha dimostrato soprattutto l'afasia esistente tra Comune e la Camera di commercio a trazione triestina: i due enti non si parlano tanto da aver programmato la fuoriuscita dei circa quaranta esercenti che vi lavorano...