Formica Giovanni Battista (1726 - 1794)

18.02.2020

Giovanni Battista Formica, benefattore degli orfani goriziani, nacque a Gorizia il 17 settembre 1726 e morì il 19 maggio 1794, all'età di 67 anni. Nel suo testamento aveva designato come erede l'unico figlio, Carlo, istituendo però, nel caso questi morisse ancora minorenne senza discendenti, una fondazione a favore di orfani e poveri. Il caso previsto si verificò, e dal 1812 - dopo la morte di Carlo nel 1807 e della vedova di Formica, usufruttuaria del patrimonio, nel 1810 - la fondazione divenne operativa. Secondo le intenzioni di Formica, la domenica successiva al 24 giugno, festa di San Giovanni Battista, suo santo patrono, doveva svolgersi l'estrazione a sorte di due "graziali" annue di 150 fiorini destinate a fanciulle oneste e morigerate, orfane di poveri cittadini goriziani, e di sei assegnazioni quinquennali di 250 fiorini a ragazzi orfani di padre e madre, perché apprendessero un'arte o una professione cittadina. Alla estrazione dovevano concorrere dieci ragazze e dodici ragazzi, dopo aver assistito insieme ai loro tutori a una messa in Duomo in suffragio dell'anima del Formica e dei defunti della sua famiglia. L'assegnazione delle sovvenzioni - che in alcuni anni, grazie all''oculato investimento del patrimonio, raggiunsero il numero di otto per le ragazze e quindici per i ragazzi - è documentata fino alla fine dell'Ottocento, anche se la presenza dei beneficati alla messa precedente l'estrazione a sorte non fu sempre assidua, tanto che "L'Eco del Litorale" nel 1882 richiamava all'osservanza delle disposizioni. Il Comune di Gorizia pose nelle sale del Municipio un ritratto e un busto di Formica, e gli intitolò la via dove aveva abitato e che in precedenza veniva chiamata Contrada del Corno o popolarmente "Borgofasuli".