Frinta Elisa (1841- 1886)

15.02.2020

Elisa de Barago vedova Frinta è rimasta nella memoria di Gorizia per la scuola, da lei istituita, che ancora oggi porta il suo nome. 

In vita però non aveva partecipato attivamente alla vita della sua città, a causa dei lutti che avevano segnato la sua esistenza di donna ricca ma sfortunata: la morte del marito dopo pochi anni di matrimonio e quindi la morte anche dell'unico figlio. Sola e solitaria, pose fine ai suoi giorni lasciandosi asfissiare dal fumo nel suo appartamento il 13 aprile 1886. Era appena quarantacinquenne, essendo nata nel 1841. Pochi giorni prima di suicidarsi aveva fatto testamento, disponendo del suo ingente patrimonio a favore dei giovani goriziani, ragazzi e ragazze, perché venissero istituite una scuola popolare di lingua italiana e una scuola di lavori femminili, oltre a borse di studio per poveri studenti goriziani di nazionalità italiana frequentanti l'università di Vienna, con particolare riguardo agli studenti di medicina.