GORIZIA 2025: LA STORIA INCREDIBILE DEL MUSEO DI SANTA CHIARA

23.01.2021

Il Museo Arcidiocesano sarebbe già pronto qualora le nostre autorità ne capissero l'importanza, che deriva dal prestigio del suo contenitore ovvero il seicentesco Museo di Santa Chiara in pieno centro e la magnificenza del contenuto, il tesoro di Aquileia e la Donazione Teresiana. Oggetti di devozione, tiare, busti argentei che descrivono una struttura di caratura internazionale che potrebbe anche essere al centro dell'attenzione regionale.

Un museo che, in pieno centro storico, a due passi da Piazza Vittoria e del Mercato Coperto renderebbe più consistente, completandola, l'attrattività di una città che si appresta, con Nova Gorica, a diventare Capitale Europea della Cultura. Una struttura fissa, prestigiosa, che permetterebbe anche dopo il fatidico 2025 di promuovere finalmente Gorizia come meta turistica di una certa importanza, offrendo un itinerario che comprende il Castello e il suo Borgo con il Museo della Grande Guerra, i tesori di Villa Coronini, la Pinacoteca di Palazzo Attems Petzenstein che speriamo sarà presto restituita alla potestà dei goriziani insieme all'inestimabile Archivio Provinciale.

L'Arcivescovo Padre Bommarco insieme all'allora assessore alla cultura Antonio Devetag si spesero per questo progetto che nel quadro del Giubileo del 2000 consentì la restituzione alla città dell'edificio di Santa Chiara il cui restauro fu finalizzato esclusivamente a contenere il Tesoro dell'Arcidiocesi: in merito pubblichiamo la cartina ragionata di come avrebbe dovuto essere allestito il primo piano. La Fondazione Carigo, allora presieduta da Franco Obizzi, mise a disposizione del progetto una cifra che attualmente equivarrebbe a circa 600mila euro. Un'iniziativa tutta "goriziana" che avrebbe dovuto arricchire la città mostrando finalmente manufatti di grande bellezza fino ad oggi celati in qualche caveau.

Comune e Curia si sono improvvisamente svegliati quest'estate, dopo essere stati sollecitati mille volte da Gorizia3.0 che parlò del problema fin dalla sua nascita. In merito avevamo ricevuto adesioni, miste allo stupore di quest'occasione persa, anche da religiosi goriziani: l'idea di base, almeno a quanto pubblicato finora, è di fare una mostra del tesoro in questione distribuita in tre sedi espositive: Gorizia - e ci mancherebbe - Nova Gorica e Aquileia.

Un'iniziativa che deve partire tenendo conto che questo tesoro appartiene a Gorizia dal '700, Maria Teresa d'Austria regnante , e che ha un senso soltanto se legato alla creazione di un'esposizione permanente. Il Museo. Costa farlo? Monfalcone ha recentemente dato il via a un suo Museo sul Medioevo, Udine punta le sue carte sui Musei, rigorosamente Civici, Gorizia non riesce a organizzarsi con la Regione per un Museo di portata continentale in vista del 2025? 

Kevin Cucit


Ultimi articoli:


Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...