IL CARRO DEL VINCITORE

02.07.2020

Si chiamerà Edr: Ente di decentramento regionale. Suonava meglio Provincia, ma tant'è. Ciò che conta è che l'ente sia "risorto" per ridelineare i contorni fisici e le competenze che facevano capo alle ex province, scelleratamente cancellate dalla sinistra quando era al governo regionale, propinandoci poi quell'obbrobrio politico-amministrativo rappresentato dalle UTI. Delle quali nessuno ne ha rimpianto la dipartita, mentre ora sono in tanti a stappare lo spumante in omaggio al nuovo ente, rivendicando meriti e paternità che in realtà non hanno.


Fin dal suo esordio Gorizia3.0 si è battuta per il ripristino di un organismo che ereditasse le funzioni dell'ex Provincia in nome dell'identità storica e culturale del nostro territorio e delle genti che lo han-no abitato e lo abitano. Sono in pochi a poter mettere il cappello sulle Edr tra cui annoveriamo, per quanto riguarda i rappresentanti dell'Isontino, senz'altro il consigliere regionale Diego Bernardis, di cui non ci importa l'appartenenza politica ma i fatti e le idee che ha portato avanti. 

Notiamo invece sull'argomento, scorrendo all'indietro i comunicati stampa e le prese di posizione ufficiali e ufficiose, una grave assenza della classe politica di Gorizia.


Ermes Dosso

Ultimi articoli:

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...