IL MUSEO DELL’ARCIDIOCESI ANCORA UNA CONSIDERAZIONE

26.01.2021

Vista la sollecitudine, un po' confusa, con cui il Comune di Gorizia risponde alle nostre sollecitazioni, continuiamo a pubblicare progetti di possibile realizzazione che siano realmente e concretamente importanti per lo sviluppo di una città in stato precario. Il nostro intervento sul Museo dell'Arcidiocesi ha trovato il pronto intervento di un membro della giunta, che ha ripreso un comunicato di sei mesi or sono e che parla di una mostra.
Il Comune si è svegliato: fino a qualche mese fa la cosa era stata giudicata impossibile, se non addirittura una fantasia. La Curia Arcivescovile ha scoperto di avere questo patrimonio e finalmente il combinato disposto ha deciso di cavare dai caveau di qualche banca o da bui cassettoni in cui giacciono tesori goriziani finora noti a pochi fortunati e che dovrebbero invece essere messi a disposizione con generosità e amore per il Bello di tutti i goriziani ma anche al godimento dei turisti.
Una mostra - alcuni pezzi sono già stati esposti in passato - deve essere solamente un primo passo verso quel Museo già pronto, di assoluto valore internazionale, sito in Santa Chiara, che dovrebbe contenere i tesori donati alla comunità cristiana di Gorizia da Maria Teresa d'Austria e quelli derivanti dalla Bolla Iniuncta nobis con cui papa Benedetto XIV° a metà del '700 abolì il Patriarcato di Aquileia creando l'Arcidiocesi di Gorizia.


K.C. - GORIZIA3.0


Ultimi articoli:

Un anno eccezionale il 2022 a Grado, indimenticabile per molti turisti che hanno goduto di un surplus di divertimento con Grado 130, eccezionale mix di mostre, spettacoli teatrali, concerti, eventi enogastronomici che hanno caratterizzato la stagione da maggio a ottobre inoltrato, consentendo a oltre 30mila visitatori i di scoprire gli straordinari...

Il sindaco Ziberna ha pubblicato un post manifestando entusiasmo per la fresca nomina a sottosegretario dell'"amica Sandra Savino, già prefigurata in campagna elettorale dai vertici di Forza Italia". Savino, per chi ne avesse la memoria corta, è la stessa che nei panni di coordinatrice regionale espulse da Forza Italia sul letto di morte Ettore...

A fine '800 per Tutti i Santi i pasticceri goriziani mettevano in mostra prelibatezze straordinarie che tenevano i bambini incollati col naso alle vetrine: fave da morto, marròns glacès, le rinomate pinze e altri dolci invitanti che gli avventori acquistavano per il giorno della commemorazione dei defunti. I bambini più fortunati riempivano la...

Più il 2025 si avvicina e più si capisce quanto questo evento definito storico ed epocale sia stato affrontato con approssimazione e sufficienza. E non solo dalla parte italiana, ma anche da quella slovena: da entrambi i lati dell'ex confine ci si dibatte infatti per trovare il bandolo di una matassa che non si può esaurire nel manchevole Bid Book,...

Bene l'Autostrada delle Api per il 2025, ma intanto ci si dimentica della vera sfida che affligge Gorizia (e Nova Gorica) per il 2025: il problema della mobilità. Ad oggi, pressoché nessuno ha menzionato la questione e tantomeno, non pretendiamo un piano concreto ma almeno qualche idea per la mobilità integrata per la Capitale della Cultura....

Al peggio non vi è mai fine. All'ultimo consiglio comunale il consigliere di maggioranza Turco perplesso domanda quali formidabili realizzazioni goriziane consentiranno quei milioni di euro di cui puntualmente ci informano sindaco e assessori: "quali sono i progetti - dice Turco - che attengono al PNRR, quali prospettive, dove sono i soldi?". Alle...