IL MUSEO DELL’ARCIDIOCESI ANCORA UNA CONSIDERAZIONE

Vista la sollecitudine, un po' confusa, con cui il Comune di Gorizia risponde alle nostre sollecitazioni, continuiamo a pubblicare progetti di possibile realizzazione che siano realmente e concretamente importanti per lo sviluppo di una città in stato precario. Il nostro intervento sul Museo dell'Arcidiocesi ha trovato il pronto intervento di un membro della giunta, che ha ripreso un comunicato di sei mesi or sono e che parla di una mostra.
Il Comune si è svegliato: fino a qualche mese fa la cosa era stata giudicata impossibile, se non addirittura una fantasia. La Curia Arcivescovile ha scoperto di avere questo patrimonio e finalmente il combinato disposto ha deciso di cavare dai caveau di qualche banca o da bui cassettoni in cui giacciono tesori goriziani finora noti a pochi fortunati e che dovrebbero invece essere messi a disposizione con generosità e amore per il Bello di tutti i goriziani ma anche al godimento dei turisti.
Una mostra - alcuni pezzi sono già stati esposti in passato - deve essere solamente un primo passo verso quel Museo già pronto, di assoluto valore internazionale, sito in Santa Chiara, che dovrebbe contenere i tesori donati alla comunità cristiana di Gorizia da Maria Teresa d'Austria e quelli derivanti dalla Bolla Iniuncta nobis con cui papa Benedetto XIV° a metà del '700 abolì il Patriarcato di Aquileia creando l'Arcidiocesi di Gorizia.


K.C. - GORIZIA3.0


Ultimi articoli:

"Dai pressi del Caffè del Teatro sino alla stazione ferroviaria le folte siepi di malvone, che fiancheggiavano i viali di platani, sembravano un interminabile tappeto di fiori, che destava la maraviglia di tutti i forastieri..... Ben a ragione Gorizia poteva venir chiamata l'incantevole città dei fiori del Friuli Orientale, da chi dalle brume...

L'assessore regionale all'Energia Scoccimarro ha annunciato stamane di voler revisionare entro l'anno la legge sullo sconto carburanti ed eventualmente inserire nuovi comuni nel progetto, che va a supporto di una lunga e finalmente concreta battaglia goriziano-isontina per riequilibrare l'economia della fascia confinaria. Solo sulla nostra fascia...

Ricapitoliamo: 24 o 25 milioni a Pordenone, Udine e a Trieste. Progetti mirati, occasioni di sviluppo. Diciotto piazzati sul territorio dell'ex provincia di Gorizia e salomonicamente divisi tra i due capoluoghi, Monfalcone e Gorizia. Nove ciascuno. A Gorizia per progetti slegati da una visione d'insieme e che hanno suscitato più di qualche...

Se al primo mal di pancia la maggioranza che governa Gorizia rischia di andare gambe all'aria questa è la conseguenza di una gestione poco condivisa ed arrogante, della mancanza di dialogo con i cittadini, dell'evidente inadeguatezza di molti degli assessori, dell'incapacità di rivendicare un ruolo di protagonista per la città, spogliata come un...

Assisteremo presto alle avvisaglie di un improvvisa cotta per l'Isontino del quale a nessuno fregava niente fino e ieri. Fino a che il direttore del Messaggero Veneto e de Il Piccolo ha sollevato la "questione goriziana", da noi sempre evidenziata. Sindaco non mangia sindaco: noi, insieme a chi ci legge, andiamo avanti. Gorizia langue e sarebbe...