IL REGALO PIU’ BELLO PER GORIZIA COMINCIAMO A SCARTARLO?

Ci voleva davvero. La nomina a Capitale Europea della Cultura è una botta di vita per una città in affanno in ragione dell'annoso ruolo comprimario rivestito in ambito regionale. Il bagaglio di storia e di cultura portato in dote da Gorizia è importante, direi fondamentale.

E allora questo formidabile patrimonio culturale di cui disponiamo va vieppiù valorizzato per indurre delle ricadute che possano risollevare un' economia boccheggiante e per costruire un futuro di benessere per i nostri giovani, sfatando il detto secondo il quale: con la cultura non si mangia! 

Questo riconoscimento simboleggia il riscatto delle tante figure di intellettuali, spesso dimenticate e che - paradossalmente - non vengono studiate nelle stesse scuole cittadine, il cui pensiero e le cui opere hanno contribuito a far si che Gorizia potesse salire al vertice della Cultura Europea. Carlo Michelstaedter, Isaia Ascoli, Ugo Pellis, Antonio Morassi, Leo Planiscig, Antonio Pacassi, Zoran Music, Edoardo Del Neri, Francesco Macedonio sono solo alcuni dei grandi concittadini la cui valorizzazione si impone quale tributo riconoscente e come impegno imprescindibile.

ERMES DOSSO


Ultimi articoli:


"Dai pressi del Caffè del Teatro sino alla stazione ferroviaria le folte siepi di malvone, che fiancheggiavano i viali di platani, sembravano un interminabile tappeto di fiori, che destava la maraviglia di tutti i forastieri..... Ben a ragione Gorizia poteva venir chiamata l'incantevole città dei fiori del Friuli Orientale, da chi dalle brume...

L'assessore regionale all'Energia Scoccimarro ha annunciato stamane di voler revisionare entro l'anno la legge sullo sconto carburanti ed eventualmente inserire nuovi comuni nel progetto, che va a supporto di una lunga e finalmente concreta battaglia goriziano-isontina per riequilibrare l'economia della fascia confinaria. Solo sulla nostra fascia...

Ricapitoliamo: 24 o 25 milioni a Pordenone, Udine e a Trieste. Progetti mirati, occasioni di sviluppo. Diciotto piazzati sul territorio dell'ex provincia di Gorizia e salomonicamente divisi tra i due capoluoghi, Monfalcone e Gorizia. Nove ciascuno. A Gorizia per progetti slegati da una visione d'insieme e che hanno suscitato più di qualche...

Se al primo mal di pancia la maggioranza che governa Gorizia rischia di andare gambe all'aria questa è la conseguenza di una gestione poco condivisa ed arrogante, della mancanza di dialogo con i cittadini, dell'evidente inadeguatezza di molti degli assessori, dell'incapacità di rivendicare un ruolo di protagonista per la città, spogliata come un...

Assisteremo presto alle avvisaglie di un improvvisa cotta per l'Isontino del quale a nessuno fregava niente fino e ieri. Fino a che il direttore del Messaggero Veneto e de Il Piccolo ha sollevato la "questione goriziana", da noi sempre evidenziata. Sindaco non mangia sindaco: noi, insieme a chi ci legge, andiamo avanti. Gorizia langue e sarebbe...