LA GIUNTA DI GORIZIA VIAGGIA NEL FUTURO

20.10.2021

Mentre di Gorizia non vi è quasi traccia sul poderoso Bidbook2025, l'amministrazione comunale si permette di fornire ai cittadini un bizzarro sunto di quanto NON ha fatto, NON ha realizzato, NON ha costruito negli ultimi quattro anni. Si chiama "Gorizia dalla storia al futuro" ed è l'ultima pagina della "copertina" che rivestiva Il Piccolo in occasione della visita di Mattarella e Pahor, giovedì 21 ottobre.Al di là della grafica, la cui qualità lasciamo giudicare ai lettori, i quattro punti nodali sono quel Central Park "tra uliveti" che nella foto appare già come un ridente torrente altoatesino; il castello di Gorizia, desolantemente chiuso per tutta l'estate, è descritto appunto come "virtuale" e attende l'apertura della salita meccanica; anche l'Isonzo è già una spiaggia con ombrelloni, canoe e servizio bar.Che è poi forse ciò che ha intravisto il primo cittadino andando a inaugurare la passerella di Salcano, in prossimità della quale, usando bene i soldi del Gect i maggiorenti di Nova Gorica han fatto quell'Isonzo Beach di cui lui chiacchiera da tempo. Per finire ecco la "Via dei mercati" riqualificata "con l'inserimento (sic!) di un parcheggio sotterraneo con ben 200 posti macchina: il famoso edificio "ti vedo e non ti vedo" stroncato pesantemente da un esponente della stessa maggioranza del sindaco: il capogruppo di Forza Italia Fabio Gentile.Vicende fantascientifiche di una giunta che viaggia in un futuro radioso in cui dal 2022, votandoli ancora, saranno teletrasmessi anche i goriziani. Da riportare in proposito le parole che il sindaco ha indirizzato a un recente convegno tenutosi all'Aula Magna di via Alviano, che ha ufficialmente permesso di mangiare nella mensa di via Alviano anche agli studenti sloveni. Peccato che della mensa manco l'ombra.

Gorizia3.0