LA SELVAGGINA DI CASA CORONINI

26.10.2021

 Il gusto del bello e del raffinato erano nel DNA del conte Guglielmo Coronini Cromberg (1905 - 1990), ultimo proprietario dell'omonimo Palazzo goriziano, che rappresenta uno scrigno d'opere d'arte, ritratti, arredi, di pregio elevatissimo. Accanto a tali testimonianze, sono custoditi oggetti (soprammobili, porcellane, cristalli, argenti) che ci trasmettono l'atmosfera del vissuto quotidiano nella nobile famiglia, abitudini gastronomiche comprese, come suggerito dalla presenza di nove quaderni manoscritti di metà '800 - primo cinquantennio del secolo scorso, conservati nell'archivio della Fondazione Coronini Cromberg. Redatti in lingue diverse (tedesco, francese, sloveno), tre di essi risultano compilati di suo pugno da Olga, la madre di Guglielmo. Un primo quaderno contenente 48 ricette è scritto - come appendiamo dall'approfondimento di Roberto Zottar su "L'evoluzione della gastronomia e i quaderni di cucina di casa Coronini" - in Kurrentschrift, l'antico corsivo tedesco. I manoscritti di Olga - contenenti indicazioni approssimative quanto a peso ed esecuzione - risultano rivolti a chi abbia una buona dimestichezza culinaria e ci parlano di una cucina tipicamente mitteleuropea, sicuramente non popolare ma, allo stesso tempo, priva d'eccessi quanto a ricercatezza ed opulenza. Gli stessi raccolgono (anche) alcune ricette sulla selvaggina, che il conte cacciava talvolta personalmente, usando il fucile a tredici canne fatto costruire dal suo prozio, Arturo Coronini Cromberg.

Per quanto riguarda la struttura del servizio in tavola, anche casa Coronini registrò il trapasso da quello cosiddetto "alla francese", dove i commensali attingevano alle pietanze liberamente, al servizio "alla russa": i piatti, fatta eccezione per gli antipasti freddi, venivano portati in tavola in successione secondo un ordine che garantiva il giusto punto di cottura e la temperatura ottimale. Verso la metà dell'800 il servizio si arricchì di una minuta delle portate (il menù) per dare contezza all'ospite del percorso gastronomico che lo avrebbe atteso.

Tra le diverse ricette sulla selvaggina, ne proponiamo due.

PATE' DI SELVAGGINA

Avendo a disposizione 2 piccole spalle di capriolo oppure un coniglio grosso, stufare la carne assieme alle ossa per un'ora e mezza, aggiungendo un po' di burro oppure semplice grasso dell'arrosto di vitello. Se necessario bagnare con un po' d'acqua. Levare l'osso, far lessare per due ore e filtrare il brodo per eliminare il grasso. Sminuzzare quindi la carne e batterla per due ore aggiungendo gradualmente 3 tuorli crudi e 2 cucchiai ricolmi di speck fresco tagliato a quadretti; durante l'operazione annaffiare il composto con il brodo precedentemente conservato e passare quindi il tutto a setaccio. Aggiungere poi nuovamente 2 cucchiai ricolmi di pezzettini di speck e altrettanti di prosciutto o lingua, e pistacchi. Foderare lo stampo con fettine sottili di speck e cuocere il patè per un'ora e mezza a bagnomaria. E' molto buono anche con l'aggiunta di madera o funghi.

Per la gelatina di vitello, seguire la stessa ricetta, aggiungendo però il burro es escludendo le uova.

ANATRA SELVATICA

Far appassire molta verdura con burro o strutto e soltanto a questo punto aggiungi l'anatra intera. (Se l'anatra dovesse essere molto grassa, bisogna levarle la pelle e una parte del grasso, perché non sappia di "freschino"). Quando l'anatra, dopo essere stata girata ripetutamente, ha preso un po' di colore, aggiungere un cucchiaio di aceto e acqua, e di tanto in tanto un bicchiere di vino rosso. Quando l'anatra si è ammorbidita, toglila dal fuoco, sminuzza la verdura, se necessario aggiungi ancora un po' di vino, perché la salsa dev'essere abbondante. Taglia quindi l'anatra (dopo aver eliminato la pelle) e annaffiala con la salsa di verdura (passata).

Rossella Dosso 


Altri articoli:


Gorizia c'è un bellissimo posto che ogni anno attrae molti turisti da tutto il mondo: Oslavia. Un luogo importante anche per l'Ossario in memoria dei caduti della Grande Guerra che oggi non si può visitare poiché chiuso, come tante altre attrattive di Gorizia. Oslavia è un luogo affascinante, immerso nella natura che per le sue forme e i suoi...

Molto dimenticata e vittima anch'essa della prevalenza friulana e ohibò anche triestina: parliamo dell'unica e inimitabile gubana goriziana che è errato paragonare al Presnitz e delirante accostarla quella cividalese.

Comincia la stagione della Rosa di Gorizia: abbiamo un tesoro inestimabile che viene prodotto dalla poca terra coltivabile rimasta nel territorio comunale, che nasce per particolari condizioni climatiche, per le caratteristiche della terra stessa, per una lunga consuetudine e studio sul campo (nel vero senso della parola) di bravissimi agricoltori...

La Rosa di Gorizia, certo, di cui abbiamo scritto e scriveremo ancora: ma c'è un'altra delizia goriziana, per la precisione lucinichese che ci preme ricordare, anche perché in tempi di intensi vagheggiamenti di turismo culturale se n'è parlato poco: il Miele di Lucinico, straordinario prodotto isontino-goriziano, che insieme alla Rosa di Gorizia,...

Accanto al vino, anche l'olio: questo il nuovo progetto di Enrico Coser (proprietario con la famiglia di Ronco dei Tassi di Cormòns, storica cantina del Collio Goriziano), che ha messo a frutto i mesi di forzato rallentamento degli impegni imposti dalla pandemia per impegnarsi in una nuova iniziativa, sempre a contatto con la terra, sempre legata...

La pinza è sicuramente il dolce più tipico della Pasqua a Gorizia (e a Trieste). Tanto che "Bona Pasqua e bone pinze" è l'augurio che oggi (meno di frequente) come ieri si scambiano i goriziani nel periodo della festa più sentita e più antica del cristianesimo. Questo dolce, ora in bella mostra tutto l'anno nelle vetrine delle pasticcerie e...