MIELE DI LUCINICO E RENZO OBIT

03.11.2021

La Rosa di Gorizia, certo, di cui abbiamo scritto e scriveremo ancora: ma c'è un'altra delizia goriziana, per la precisione lucinichese che ci preme ricordare, anche perché in tempi di intensi vagheggiamenti di turismo culturale se n'è parlato poco: il Miele di Lucinico, straordinario prodotto isontino-goriziano, che insieme alla Rosa di Gorizia, la Ribolla Gialla e la Gubana goriziana - sempre che qualcuno si prenda la briga di sollecitare i nostri bravissimi panettieri a formare un'associazione di produttori - formano un poker d'assi eccezionale per attrarre visitatori e turisti.

Ci sono altre specialità della Casa dell'Ape, sita in via Cicuta ovviamente ma oggi ci preme ricordare questo miele a Doc, tutto prodotto dalle api dei nostri territori, che raggiunge l'apice della qualità nelle varietà di Tarassaco e di Tiglio. Roba da gourmet. La fantasia di uno dei fondatori - mai abbastanza lodato e ricordato - Renzo Obit diede vita, tra il 1993 al 1996 insieme a Luciano Marussi e altri nove apicoltori, a questo piccolo miracolo goriziano, che varrebbe la pena di valorizzare in ogni modo.

ANTONIO DEVETAG


Altri prodotti:


Gorizia c'è un bellissimo posto che ogni anno attrae molti turisti da tutto il mondo: Oslavia. Un luogo importante anche per l'Ossario in memoria dei caduti della Grande Guerra che oggi non si può visitare poiché chiuso, come tante altre attrattive di Gorizia. Oslavia è un luogo affascinante, immerso nella natura che per le sue forme e i suoi...

Molto dimenticata e vittima anch'essa della prevalenza friulana e ohibò anche triestina: parliamo dell'unica e inimitabile gubana goriziana che è errato paragonare al Presnitz e delirante accostarla quella cividalese.

Comincia la stagione della Rosa di Gorizia: abbiamo un tesoro inestimabile che viene prodotto dalla poca terra coltivabile rimasta nel territorio comunale, che nasce per particolari condizioni climatiche, per le caratteristiche della terra stessa, per una lunga consuetudine e studio sul campo (nel vero senso della parola) di bravissimi agricoltori...

La Rosa di Gorizia, certo, di cui abbiamo scritto e scriveremo ancora: ma c'è un'altra delizia goriziana, per la precisione lucinichese che ci preme ricordare, anche perché in tempi di intensi vagheggiamenti di turismo culturale se n'è parlato poco: il Miele di Lucinico, straordinario prodotto isontino-goriziano, che insieme alla Rosa di Gorizia,...

Accanto al vino, anche l'olio: questo il nuovo progetto di Enrico Coser (proprietario con la famiglia di Ronco dei Tassi di Cormòns, storica cantina del Collio Goriziano), che ha messo a frutto i mesi di forzato rallentamento degli impegni imposti dalla pandemia per impegnarsi in una nuova iniziativa, sempre a contatto con la terra, sempre legata...

La pinza è sicuramente il dolce più tipico della Pasqua a Gorizia (e a Trieste). Tanto che "Bona Pasqua e bone pinze" è l'augurio che oggi (meno di frequente) come ieri si scambiano i goriziani nel periodo della festa più sentita e più antica del cristianesimo. Questo dolce, ora in bella mostra tutto l'anno nelle vetrine delle pasticcerie e...