OPPOSIZIONE E MAGGIORANZA DIALOGO SULLE COMMISSIONI

21.10.2022

Due riunioni dei capigruppo per eleggere presidenti di importanti commissioni andate a vuoto: quella per le partecipate (assessore di riferimento Lazzeri) e quella per il Bilancio (assessore Beltrame). Incomunicabilità totale tra maggioranza (ai nomi proposti della minoranza è stato risposto "non se ne parla neppure"), tanto che l'opposizione ha abbandonato l'aula. Non c'è stato accordo soprattutto nei modi e nei tempi, nella prassi. L'opposizione possiede i numeri per bloccare le imposizioni della maggioranza. Uno spiraglio si è aperto nella riunione che avrebbe dovuto eleggere come Presidente l'assessore Obizzi: rispondendo all'invito della minoranza di cercare di superare l'impasse il consigliere Altinier (Lega) ha proposto l'avvio di un dialogo. Gli ha risposto il consigliere Devetag "finalmente - ha detto - in quest'aula sento un discorso di politica, che vuole e deve essere arte di mediazione tra pareri opposti. Spero che un dialogo possa cominciare per arrivare alla composizione delle commissioni" Anche il consigliere Feri ha ricordato che proprio il sindaco Ziberna aveva pronunciato immediatamente dopo la sua elezione "porte aperte per l'opposizione", mentre le consigliere Fasiolo e Tucci hanno sottolineato la necessità di un accordo quadro tra le parti, propedeutico alla definizione delle commissioni. E ieri durante la riunione dei capigruppo prendendo la parola, Devetag ha chiesto alla presidente Paoletti di indire una riunione dei capigruppo apposita per una soluzione concordata delle commissioni e delle presidenze delle stesse: "Una questione - ha detto il rappresentante di gorizia3.0 e Azione - che riguarda solo e soltanto il consiglio comunale nella sua autonomia decisionale e politica", raccomandando alla Presidente di restituire al consesso la centralità che deriva dal voto diretto dei cittadini goriziani." 

- Gorizia3.0


Ultimi articoli:

Un anno eccezionale il 2022 a Grado, indimenticabile per molti turisti che hanno goduto di un surplus di divertimento con Grado 130, eccezionale mix di mostre, spettacoli teatrali, concerti, eventi enogastronomici che hanno caratterizzato la stagione da maggio a ottobre inoltrato, consentendo a oltre 30mila visitatori i di scoprire gli straordinari...

Il sindaco Ziberna ha pubblicato un post manifestando entusiasmo per la fresca nomina a sottosegretario dell'"amica Sandra Savino, già prefigurata in campagna elettorale dai vertici di Forza Italia". Savino, per chi ne avesse la memoria corta, è la stessa che nei panni di coordinatrice regionale espulse da Forza Italia sul letto di morte Ettore...

A fine '800 per Tutti i Santi i pasticceri goriziani mettevano in mostra prelibatezze straordinarie che tenevano i bambini incollati col naso alle vetrine: fave da morto, marròns glacès, le rinomate pinze e altri dolci invitanti che gli avventori acquistavano per il giorno della commemorazione dei defunti. I bambini più fortunati riempivano la...

Più il 2025 si avvicina e più si capisce quanto questo evento definito storico ed epocale sia stato affrontato con approssimazione e sufficienza. E non solo dalla parte italiana, ma anche da quella slovena: da entrambi i lati dell'ex confine ci si dibatte infatti per trovare il bandolo di una matassa che non si può esaurire nel manchevole Bid Book,...

Bene l'Autostrada delle Api per il 2025, ma intanto ci si dimentica della vera sfida che affligge Gorizia (e Nova Gorica) per il 2025: il problema della mobilità. Ad oggi, pressoché nessuno ha menzionato la questione e tantomeno, non pretendiamo un piano concreto ma almeno qualche idea per la mobilità integrata per la Capitale della Cultura....

Al peggio non vi è mai fine. All'ultimo consiglio comunale il consigliere di maggioranza Turco perplesso domanda quali formidabili realizzazioni goriziane consentiranno quei milioni di euro di cui puntualmente ci informano sindaco e assessori: "quali sono i progetti - dice Turco - che attengono al PNRR, quali prospettive, dove sono i soldi?". Alle...