OSPEDALE E DINTORNI: OCCHIO ALLA FREGATURA “TECNICA”

27.12.2020

Siamo stati i primi (il 16 dicembre) a comunicare la notizia sulle sedi di vaccinazione nel FVG. Come stanno ripentendo altri media in questi giorni, nella (ex) Provincia di Gorizia, le prime vaccinazioni, che riguarderanno il personale sanitario, si terranno presso l'Ospedale di Monfalcone.A tal proposito il primo cittadino di Gorizia commenta che il governo nazionale ha fissato dei criteri "tecnici" che, applicati nel FVG, e in particolare nella nostra Provincia, hanno fatto cadere la scelta sull'ospedale di Monfalcone anziché di Gorizia. Sulla scorta di giustificazioni "tecniche" l'ospedale di Gorizia si avvia a essere una succursale di Trieste e di Monfalcone: quella Venezia Giulia che sempre "tecnicamente" è succube della Cciaa di Trieste. Dietro a questo commento a dir poco banale si nasconde quella che è la reale situazione dell'ospedale di Gorizia. Infatti il discorso merita una riflessione seria. Il fatto che l'Ospedale di Gorizia non riesca a soddisfare questi parametri (e quello di Monfalcone sì) significa che il nuovo hub/centro della sanità provinciale non è più Gorizia, ma Monfalcone. Un declassamento della città che suona stonato dopo la sua nomina, in sinergia con Nova Gorica, a capitale Europea della Cultura. E poi: se Monfalcone riesce a soddisfare tutti i parametri significa che gode di buona salute, di ottime strutture... tutto ciò che Gorizia non ha. Perciò il discorso non è tanto se è giusto o sbagliato fare le vaccinazioni a Monfalcone piuttosto il fatto che Gorizia non riesca a soddisfare quei parametri tecnici che la declassano ulteriormente. E' solo campanilismo? O non è la prova di una gestione politica che non può basarsi soltanto sulla ricerca frenetica del consenso in vista delle elezioni prossime venture. Questo è solamente l'ennesimo esempio di come l'Ospedale di Gorizia stia perdendo il suo ruolo, che un tempo era provinciale. E dispiace leggere dichiarazioni del Sindaco secondo cui le persone che si preoccupano dello status del proprio ospedale lo facciano solamente per fini elettorali. La lingua, si sa, batte dove il dente duole.

Gorizia3.0

FOTO DAL WEB 


Ultimi articoli:


Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...