OSPEDALE E DINTORNI: OCCHIO ALLA FREGATURA “TECNICA”

Siamo stati i primi (il 16 dicembre) a comunicare la notizia sulle sedi di vaccinazione nel FVG. Come stanno ripentendo altri media in questi giorni, nella (ex) Provincia di Gorizia, le prime vaccinazioni, che riguarderanno il personale sanitario, si terranno presso l'Ospedale di Monfalcone.A tal proposito il primo cittadino di Gorizia commenta che il governo nazionale ha fissato dei criteri "tecnici" che, applicati nel FVG, e in particolare nella nostra Provincia, hanno fatto cadere la scelta sull'ospedale di Monfalcone anziché di Gorizia. Sulla scorta di giustificazioni "tecniche" l'ospedale di Gorizia si avvia a essere una succursale di Trieste e di Monfalcone: quella Venezia Giulia che sempre "tecnicamente" è succube della Cciaa di Trieste. Dietro a questo commento a dir poco banale si nasconde quella che è la reale situazione dell'ospedale di Gorizia. Infatti il discorso merita una riflessione seria. Il fatto che l'Ospedale di Gorizia non riesca a soddisfare questi parametri (e quello di Monfalcone sì) significa che il nuovo hub/centro della sanità provinciale non è più Gorizia, ma Monfalcone. Un declassamento della città che suona stonato dopo la sua nomina, in sinergia con Nova Gorica, a capitale Europea della Cultura. E poi: se Monfalcone riesce a soddisfare tutti i parametri significa che gode di buona salute, di ottime strutture... tutto ciò che Gorizia non ha. Perciò il discorso non è tanto se è giusto o sbagliato fare le vaccinazioni a Monfalcone piuttosto il fatto che Gorizia non riesca a soddisfare quei parametri tecnici che la declassano ulteriormente. E' solo campanilismo? O non è la prova di una gestione politica che non può basarsi soltanto sulla ricerca frenetica del consenso in vista delle elezioni prossime venture. Questo è solamente l'ennesimo esempio di come l'Ospedale di Gorizia stia perdendo il suo ruolo, che un tempo era provinciale. E dispiace leggere dichiarazioni del Sindaco secondo cui le persone che si preoccupano dello status del proprio ospedale lo facciano solamente per fini elettorali. La lingua, si sa, batte dove il dente duole.

Gorizia3.0

FOTO DAL WEB 


Ultimi articoli:


"Dai pressi del Caffè del Teatro sino alla stazione ferroviaria le folte siepi di malvone, che fiancheggiavano i viali di platani, sembravano un interminabile tappeto di fiori, che destava la maraviglia di tutti i forastieri..... Ben a ragione Gorizia poteva venir chiamata l'incantevole città dei fiori del Friuli Orientale, da chi dalle brume...

L'assessore regionale all'Energia Scoccimarro ha annunciato stamane di voler revisionare entro l'anno la legge sullo sconto carburanti ed eventualmente inserire nuovi comuni nel progetto, che va a supporto di una lunga e finalmente concreta battaglia goriziano-isontina per riequilibrare l'economia della fascia confinaria. Solo sulla nostra fascia...

Ricapitoliamo: 24 o 25 milioni a Pordenone, Udine e a Trieste. Progetti mirati, occasioni di sviluppo. Diciotto piazzati sul territorio dell'ex provincia di Gorizia e salomonicamente divisi tra i due capoluoghi, Monfalcone e Gorizia. Nove ciascuno. A Gorizia per progetti slegati da una visione d'insieme e che hanno suscitato più di qualche...

Se al primo mal di pancia la maggioranza che governa Gorizia rischia di andare gambe all'aria questa è la conseguenza di una gestione poco condivisa ed arrogante, della mancanza di dialogo con i cittadini, dell'evidente inadeguatezza di molti degli assessori, dell'incapacità di rivendicare un ruolo di protagonista per la città, spogliata come un...

Assisteremo presto alle avvisaglie di un improvvisa cotta per l'Isontino del quale a nessuno fregava niente fino e ieri. Fino a che il direttore del Messaggero Veneto e de Il Piccolo ha sollevato la "questione goriziana", da noi sempre evidenziata. Sindaco non mangia sindaco: noi, insieme a chi ci legge, andiamo avanti. Gorizia langue e sarebbe...