PAOLA, LEONARDO E IL MANTEGNA LA GRANDE STORIA PASSA DI QUI.

15.10.2022

Il nostro articolo sulle cassepanche - capolavori di Andrea Mantegna, custodite della carinziana Millstatt e dono di nozze di quella Paola Gonzaga che i Signori di Mantova concessero in moglie all'ultimo conte di Gorizia Leonardo, ha attirato l'attenzione di tanti nostri lettori e anche del sindaco Ziberna che forse distoglierà per un momento i suoi assessori dagli usuali selfie per organizzare qualcosa in merito a un argomento importante e sopratutto intrigante.Una mostra non paracadutata dall'esterno, ma con salde radici nell'affascinante storia di Gorizia che, come abbiamo ripetuto più volte, non comincia dal 1946 come si dedurrebbe dall'attuale programma degli eventi previsti per il 2025, ma risale a ben prima del 28 aprile del 1001, data in cui l'Imperatore Ottone III donò il castello di nome "Sylicanum" e la "villa" chamata "Gorica" al Patriarca di Aquileia e al conte del Friuli Guariento della casata degli Eppenstein. La storia remota di Gorizia è infatti un mistero che potrebbe essere chiarito almeno in parte se qualcuno si degnasse di rivelare i risultati degli esami al Carbonio 14 commissionati a un laboratorio specializzato di Lecce riguardanti gli scheletri scoperti durante gli scavi in Corte Sant'Ilario e sulle pendici del nostro castello. Ai nostri assessori il risultato non importa nulla e a una mia interrogazione in merito mi è stato risposto "sono in mano della Sovrintendenza": possibile che il nostro assessore alla cultura non li richieda?Consci che non si può pretendere di più da chi ha sepolto il celebre ottagono sotto il manto stradale compiendo un inaudito delitto culturale quale occasione migliore ci sarebbe per valorizzare la nostra storia -e anche per selfie autocelebrativi- di una mostra su Paola Gonzaga, sulla quale - basta cercarla- esiste una letteratura importante che delinea questa figura come un importante legame tra I principati italiani immersi nel Rinascimento e il mondo germanico, in particolare quello della zona delle Alpi. Un tema di immenso interesse, un terreno di studio e approfondimento straordinari che, riguardando direttamente anche il territorio goriziano in Slovenia potrebbe essere supportato dai finanziamenti della Capitale Europea della Cultura: sempre che qualcuno ne capisse l'importanza, cosa di cui fortemente dubitiamo. 

GORIZIA3.0


Ultimi articoli:

Un anno eccezionale il 2022 a Grado, indimenticabile per molti turisti che hanno goduto di un surplus di divertimento con Grado 130, eccezionale mix di mostre, spettacoli teatrali, concerti, eventi enogastronomici che hanno caratterizzato la stagione da maggio a ottobre inoltrato, consentendo a oltre 30mila visitatori i di scoprire gli straordinari...

Il sindaco Ziberna ha pubblicato un post manifestando entusiasmo per la fresca nomina a sottosegretario dell'"amica Sandra Savino, già prefigurata in campagna elettorale dai vertici di Forza Italia". Savino, per chi ne avesse la memoria corta, è la stessa che nei panni di coordinatrice regionale espulse da Forza Italia sul letto di morte Ettore...

A fine '800 per Tutti i Santi i pasticceri goriziani mettevano in mostra prelibatezze straordinarie che tenevano i bambini incollati col naso alle vetrine: fave da morto, marròns glacès, le rinomate pinze e altri dolci invitanti che gli avventori acquistavano per il giorno della commemorazione dei defunti. I bambini più fortunati riempivano la...

Più il 2025 si avvicina e più si capisce quanto questo evento definito storico ed epocale sia stato affrontato con approssimazione e sufficienza. E non solo dalla parte italiana, ma anche da quella slovena: da entrambi i lati dell'ex confine ci si dibatte infatti per trovare il bandolo di una matassa che non si può esaurire nel manchevole Bid Book,...

Bene l'Autostrada delle Api per il 2025, ma intanto ci si dimentica della vera sfida che affligge Gorizia (e Nova Gorica) per il 2025: il problema della mobilità. Ad oggi, pressoché nessuno ha menzionato la questione e tantomeno, non pretendiamo un piano concreto ma almeno qualche idea per la mobilità integrata per la Capitale della Cultura....

Al peggio non vi è mai fine. All'ultimo consiglio comunale il consigliere di maggioranza Turco perplesso domanda quali formidabili realizzazioni goriziane consentiranno quei milioni di euro di cui puntualmente ci informano sindaco e assessori: "quali sono i progetti - dice Turco - che attengono al PNRR, quali prospettive, dove sono i soldi?". Alle...