QUALCHE IDEA PER GALLERIA BOMBI

Leggendo il piccolo di oggi si apprende di un interessante iniziativa a Monfalcone. Stiamo parlando della volontà dell'amministrazione di voler riaprire e dare nuova luce alla galleria antiaerea che va da Piazza della Repubblica alla Rocca. Questa dava rifugio alle persone durante la seconda guerra mondiale. Un'iniziativa certamente lodevole.

E anche un'idea per Gorizia, ispirandoci a ciò che è stato realizzata qualche anno fa a Cormons dove sotto il porticato del Foro Boario, dove oggi si tiene il mercato, sulle pareti sono stati posti dei tabelloni con una serie di foto di Cormons e dei suoi cittadini, foto del passato ma anche dei giorni nostri.; senza commenti, senza didascalie, una storia muta e per questo molto elegante e intrigante.

Alla pari di quella di Monfalcone ma molto più "strutturata", la galleria Bombi fu anch'essa rifugio antiaereo ed è un elemento della città oggi abbandonato, come del resto è ormai la norma. Era stato proposto di riaprirla al traffico per poi fare marcia indietro. Oggi la galleria è un luogo non molto piacevole per la sua oscurità e tristezza in una piazza non tanto frequentata, che sicuramente dovrebbe essere rilanciata sopratutto nel momento in cui verra portato a termine l'ascensore che porta al castello.

Potrebbe diventare infatti un posto più bello da vedere. Ma come? Riempiendo le pareti oscure e tristi della galleria con il racconto illustrato della storia di Gorizia. Immagini che potrebbero essere accompagnate da qualche didascalia trilingue. Da un lato la storia millenaria della nostra città e dall'altra le tante foto che gli stessi cittadini potrebbero donare per vederle esposte.

Un'illuminazione adeguata completerebbe l'opera: un progetto che di certo non è troppo dispendioso e che potrebbe essere finanziato insieme da Regione, Comune, camera di commercio, Fondazione Carigo, quando queste istituzioni non siano impegnate in selfie autocelebrativi, ma che porterebbe quel "quid" in più ad un posto che altrimenti resterebbe ostile e brutto a tanti e al contempo andrebbe a valorizzare ancor più piazza Vittoria e la splendida via Rastello.

Così finalmente anche la Galleria Bombi riacquisterebbe il suo ruolo all'interno della città, diventando un collegamento, seppur pedonale tra Gorizia e Nova Gorica, ma anche una sorta di anteporta per la salita meccanica al Castello. Una galleria più bella sotto la quale fermarsi ad ammirare delle belle immagini. E anche i turisti che passano per la città avrebbero qualcosa di interessante in più da vedere, che magari, chi lo sa, li porterebbe anche a spingersi verso via Rastello fino alla statua di Michelstaedter o verso la Casa Rossa e fermarsi tra i bar e i negozi a fare shopping...


Rossella Dosso - Gorizia3.0


Ultimi articoli: