QUELLA RISSA PER LA "SGUALDA" DI SPESSA E GLI SVAGHI DI CASANOVA A GORIZIA

09.01.2021

Che l'aura di gran seduttore che accompagnava Giacomo Casanova fosse prova provata, ebbe modo di constatarlo personalmente il conte Luigi Torriani quando di prima mattina vide uscire una cameriera trafelata dalla stanza del veneziano. Era il settembre del 1773 e Casanova aveva accettato volentieri l'invito del conte "d'andar a passare l'autunno nella casa di campagna che possedeva sei miglia distante da Gorizia", lavorando alla sua "Istoria delle turbolenze della Polonia" che sarebbe stato pubblicato a Gorizia l'anno seguente. La location era quella del Castello di Spessa, a Capriva, e la cameriera era Gualda, "una giovane contadina, una povera vedova, molto bella e molto amabile" che ogni notte entrava nella camera del Casanova per uscirsene il mattino seguente. Il conte non gradì, tanto che i due nobiluomini vennero alle mani. Casanova ebbe la meglio e trovato un carretto che lo portasse a Gorizia davanti all'Albergo Alla Posta (il palazzo che oggi ospita la sala Dora Bassi) incontrò il Torriani stesso che lo aveva preceduto, per riappacificarsi. Nelle sue Memorie il Casanova ci racconta che si trattenne a Gorizia "fino alla fine del 1773 e durante le sei settimane di quel soggiorno vi trovai tutti gli svaghi che potevo desiderare". Ne siamo lieti. 

ROSSELLA DOSSO 


Ultimi articoli:


Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...