RAOUL CENISI, UN GRANDE DELLA PITTURA GORIZIANA

22.12.2020

Il celebre futurista Tullio Crali, aveva un amico con cui condivideva negli anni 30' interminabili passeggiate nella Gorizia notturna, parlando dei destini della pittura e dell'arte: era Raoul Cenisi, nato a Sebenico nel 1912, artista poliedrico e di rara abilità grafica, che come Tullio, fu rapito dal vortice futurista, movimento per il quale produsse alcune magnifiche tele, oggi ospitate ai Musei provinciali di Gorizia, che quando erano ancora tali, gli dedicarono (2012) una sala della Pinacoteca di palazzo Attems. 

Aveva studiato al Liceo Classico di Gorizia, erede dello Staatgymnasium, come tanti altri geniali concittadini e nel 1932 espone le sue opere nella Mostra giuliana d'arte organizzata dal Guf (Gruppi universitari fascisti) di Gorizia. Nel '33 partecipa alla mostra nazionale di arte futurista a Roma mentre il grande Sofronio Pocarini ospita in una mostra del sindacato delle Belle Arti di Gorizia (che aveva fondato oltre che con Carmelich e Vucetich, insieme al grandissimo Luigi Spazzapan) la sua opera "la Casa del Pazzo". 

Nel 1936 proprio insieme all'amico Tullio Crali organizza una mostra futurista in cui presenta ben 14 opere. Durante la seconda guerra mondiale viene inviato sul fronte greco - albanese, insieme a Cesare Devetag anche lui pittore, insieme al quale fonderà negli anni '50 la vivacissima Associazione artisti isontini. Collaborò con il giornale umoristico friulano "Puf" e con il settimanale goriziano L'lnformatore" diretto da Silverio Baum. L'anno dopo partecipa al "Banchetto di poesia" organizzato "alla Dama Bianca" nel Castello di Gorizia. Nel dopoguerra la sua attività artistica si intensifica e vira spesso verso una grafica preziosa e personale. L'ultima sua mostra, è del 1990, a Padova, organizzata proprio da Tullio Crali.

A.D.


Ultimi articoli:


Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...

Prima puntata - Il mondo alla rovescia. Tutto ciò che non è stato fatto dall'amministrazione comunale in tre anni dall'insediamento è stato messo in fila in www.goriziastrategica.it, dove i cittadini sono chiamati alla realizzazione del nuovo piano regolatore, che si muove su cinque direttrici: Gorizia cura il suo patrimonio; il verde goriziano...

Rompiamo il silenzio calato sulla vicenda Mercato coperto che tra trionfali proclami, letterine di sfratto, progetti fantasmagorici ha dimostrato soprattutto l'afasia esistente tra Comune e la Camera di commercio a trazione triestina: i due enti non si parlano tanto da aver programmato la fuoriuscita dei circa quaranta esercenti che vi lavorano...