RITORNA IL NOSTRO CORSO?

08.11.2021

Ora è ufficiale: a circa due mesi dall'annuncio la Giunta comunale ha approvato la delibera che riporterà entro l'anno la viabilità in Corso Italia al doppio senso di marcia.Quella di Ziberna e della sua Giunta è stata una gaffe colossale che è riuscita a contrariare gli automobilisti, costretti a fare il giro dell'oca per spostarsi in città rinunciando spesso finanche a percorrerlo, il viale, e gli stessi ciclisti che dopo aver largheggiato sulla careggiata torneranno a pedalare sui controviali e per questo hanno imbracciato l'arma del referendum. Che paradossalmente vedrebbe Ziberna schierato a difesa di quel doppio senso i cui sostenitori ha trattato con comica tracotanza.La vibrata protesta dei Goriziani, la petizione che, pur promossa in piena pandemia da Rossella Dosso, Luca Michelutti e Giulia Roldo raccolse ben 2018 firme, l'azione messa in campo da noi di Gorizia 3.0 e dal gruppo No al senso unico di Corso Italia ha fatto il resto inducendo il Sindaco a una incredibile marcia indrè.Alla fine della fiera si saranno spesi decine di migliaia di euro nel far e disfar la segnaletica, per i punti luce inaugurati e poi levati rimettendo quelli storici, per i rosai che vanno e vengono, e che il buon senso e forse la Corte dei Conti stessa vorrebbero risarciti da chi ha giocato a fare lo sperimentatore. Gli elettori - siamo certi - ne conserveranno buo-nissima memoria.

Gorizia3.0