SAN ROCCO E IL FRIULANO

27.10.2020

Nell'Ottocento molti goriziani, si esprimevano in ben quattro lingue (italiano, friulano, tedesco e sloveno), rappresentando il nostro territorio il punto d'incontro tra le tre principali aree linguistiche europee: neo-latina, slava e germanica; e nel 1880 quasi il 75% di essi parlavano friulano. Sono trascorsi 140 anni, che non sono pochi ma nemmeno secula seculorum, e oggi in città quelli che parlano in friulano sono rari come le mosche bianche. Fatta eccezione per Lucinico, che pur sentendosi parte del capoluogo, rivendica dalla sua posizione periferica una propria orgogliosa autonomia chesi fon-da proprio sulla friulanità. 

E San Rocco, pardòn, Borc San Roc che nel cuore di Gorizia tiene alta la bandiera dell'appartenenza ai valori di un'identità friulana che, con il carico lieve delle sue tradizioni e delle sue consuetudini, con giustificata alterezza sa preservare, enfatizzare e diffondere. Lo fa attraverso il sodalizio sorto nel 1973 sotto il nome di Centro per la Conservazione e la Valorizzazione delle Tradizioni popolari di Borgo San Rocco che promuove durante tutto l'anno una serie di eventi e di iniziative tra le quali spicca la pubblicazione annuale della rivista "Borc San Roc", che raccoglie i contributi preziosi di storici e ricercatori di rilievo. 

Nessun altro - ci riferiamo agli enti e al-le istituzioni cittadine - si cura di salvaguardare la friulanità di Gorizia, che perdendo tale patrimonio identitario dal quale tanti pregevoli contributi culturali e letterari ha ricevuto, impoverisce la sua complessa identità.


ERMES DOSSO


Altri articoli:


Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...