SCUOLA GORIZIANA DI PITTURA C’E UN PROGETTO PER IL 2025

26.01.2021

C'è un interessantissimo libro che è stato edito dalla Unitre di Cormons qualche anno or sono, che porta la firma dell'artista Luciano De Gironcoli e che si chiama "La Scuola goriziana di pittura", in cui si ipotizza con dovizia di dati l'esistenza di uno stile tutto goriziano: secondo l'autore a fare da "apripista" sarebbero stati Luigi Spazzapan, Anton Zoran Mušič, Gabriel Stupica e quel Cesare Mocchiutti che è una sorta di Maestro che segna la pittura goriziana del secondo Dopoguerra. Un'ipotesi affascinante che sposiamo in toto ma che secondo noi risale a un periodo precedente, quello che inizia almeno dagli anni '20 del secolo scorso, quando nasce il Circolo Artistico Goriziano che a sede dove oggi c'è il Kinemax. E dura ancora, vista la dovizia di artisti notevoli che ancora anima questa città.

Per capire il fervore culturale della Gorizia del tempo tra gli animatori del circolo ci sono Antonio Morassi, il musicista Kogoj, allievo di Schoenberg e tra i pittori nomi di rilievo quali, tra gli altri, Luigi Spazzapan Veno Pilon, Sofronio Pocarini, Bolaffio, De Finetti, Del Neri, Sergi, Braidotti, Gasparini. Un periodo di grande creatività artistica, che pur in epoca fascista riesce a tenere uniti artisti italiani e sloveni nel nome dell'arte e della cultura. L'argomento è sterminato e lo approfondiremo. Ma ci sono anche Tullio Crali, Raoul Cenisi e quell'esprit futurista che predica una rivoluzione nelle arti figurative cui Gorizia risponde con entusiasmo.

Comunque, nell'aprile del 1924 si apre la prima Esposizione di Belle Arti cui partecipò anche Spazzapan, con quattro disegni. Gorizia era un centro d'arte, che riceveva ispirazioni da Venezia, Vienna e Lubiana, creando uno stile suo proprio, un'anima sua propria, un nitore pittorico, Gorizia era un capoluogo in cui convergevano artisti e intellettuali. Come ricorda De Gironcoli, "molti artisti austriaci, sloveni e anche triestini erano incuriositi dal fermento culturale di Gorizia e, quindi, i loro soggiorni di lavoro in città erano molto frequenti.

Ad esempio Avgust Cernigoj, poliedrico e "irrequieto" pittore della comunità slovena di Trieste era spesso a Gorizia, fin dal tempo dell'Impero austriaco, ad esporre le sue opere o a parlare d'arte al Caffè Garibaldi, al Caffè Teatro, nelle ormai inesistenti locande della città vecchia o nelle sedi dei numerosi circoli culturali di quel tempo".

Sull'argomento il giornalista Antonio Devetag, insieme a Marino De Grassi, ha presentato già anni fa al Comune di Gorizia un progetto espositivo (https://www.gorizia3-0.it/scuola-goriziana-di-pittura) che andrebbe nella direzione di valorizzare la comune e importantissima cultura artistica che ha legato il territorio goriziano - italiano e sloveno - in modo indissolubile e particolarmente importante in vista del 2025, in cui Gorizia e Nova Gorica saranno Capitale Europea della cultura. Lo pubblichiamo, insieme a un estratto del libro di De Gironcoli, sul nostro sito.

Rossella Dosso


Ultimi articoli:

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...