SENSO UNICO INSPIEGABILE

28.01.2021

Era poco più della metà dell'800 quando dal punto di vista urbanistico e architettonico Gorizia subì una trasformazione profonda a seguito del collegamento del centro cittadino alla ferrovia "meridionale" e la città si espanse verso la nuova stazione ferroviaria.
Se fino ad allora Gorizia si era sviluppata alle pendici sud-occidentali del colle del castello, l'esigenza di raggiungere la stazione consigliò il tracciato di un lungo ed ampio Corso, ai lati del quale vennero edificate numerose ville tra il verde piuttosto che palazzi o edifici a schiera. Un'architettura che si adattava ad un luogo di cura e di soggiorno con i criteri noti e consolidati dell'area transalpina, mentre lo sviluppo urbano fu concepito in funzione di tranquille passeggiate e di soste lungo il nostro bel Corso.
Gorizia divenne meta di famiglie nobili, di industriali, militari e - per l'immagine di città ordinata, austera ed elegante - acquisì la fama della "Nizza austriaca" che l'ha accompagnata fino ai giorni nostri. Il suo lungo, arioso ed armonioso Corso è stato ed è la più vivida rappresentazione anche simbolica dell'eleganza di una città bella, raffinata e colta, un boulevard, a felice imitazione della celebre città della Costa Azzurra.
Che non ha bisogno di azzardate trasformazioni e tanto meno di stravolgimenti che ne alterino l' identità: il senso unico è una modifica incomprensibile, che si ferma all'altezza del bar Teatro, che scombina tutta la viabilità. La maggioranza dei Goriziani non vuole il Corso a senso unico e chi l'ha deciso ha sbagliato. Ne prenda atto e faccia dietrofront: sarebbe un bel segno di umiltà.


Ermes Dosso


Ultimi articoli:

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...