Spazzapan Luigi (1889-1958)

07.02.2020

Luigi (Lojze) Spazzapan (Gradisca d'Isonzo 1889 - Torino 1958). Terzo di cinque figli, nasce da genitori sloveni originari della Valle del Vipaco. Trasferitosi da ragazzo a Gorizia, frequenta gli ambienti culturali sloveni della città e lo studio goriziano del pittore Fran Tratnik, esponente di spicco della comunità slava, molto conosciuto a Ljubljana dove normalmente risiedeva. Partecipa alla Grande Guerra assieme agli altri due fratelli maschi combattendo sui Carpazi con l'esercito imperiale austriaco. Viene fatto prigioniero e, dopo varie peripezie, riesce a fuggire e ritornare a Gorizia. Purtroppo uno dei due fratelli muore in battaglia. Negli anni venti si avvicina al Movimento Futurista Giuliano. Dal 1921, per due anni, insegna disegno alla Scuola Reale di Idrija dove ha per allievo il triestino Milko Bambič, pittore e critico d'arte, una sorta di Gillo Dorfles della Comunità slovena della Venezia Giulia e delle Valli del Natisone. 

E' grande amico del pittore sloveno Veno Pillon di Ajdovščina ed ha frequenti contatti con Ivan Čargo , Tone Kralj e Avgust Černigoj artisti assieme ai quali spesso espone. La sua formazione artistica matura anche attraverso i numerosi viaggi che intraprende nella sua giovinezza. Soggiorna,infatti, nei maggiori centri della cultura figurativa del tempo fra cui Vienna, Monaco e Parigi dove ha la possibilità di assimilare gli stili delle secessioni, del futurismo, dell'espressionismo .Nel 1928, trasferito a Torino, aderisce al Gruppo dei Sei. E' molto attivo nell'ambiente culturale torinese ed ha un'intensa attività espositiva sia a livello nazionale che internazionale. Nel 1936 è invitato alla Biennale di Venezia dove ritorna nel 1954 con una sala personale. Nel 1947 organizza il Premio Torino assieme agli amici artisti Mattia Moreni e Umberto Mastroianni e all'allora giovane architetto Ettore Sottsass . Negli ultimi anni il suo lavoro verte esclusivamente su una pittura di chiara matrice informale e astratta. Una esaustiva collezione di dipinti e di disegni è esposta in permanenza nella Galleria Regionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Gradisca d'Isonzo che, per volere di quella Amministrazione comunale è stata intitolata proprio a "Luigi Spazzapan".