QUALCOSA FUNZIONA: IL TEATRO VERDI. ECCO PERCHE'...

26.02.2020

Il Teatro, in una città, può essere considerato il tempio della Cultura. Di certo il luogo perfetto dove potersi incontrare, divertire, riflettere e vivere emozioni. E il teatro a Gorizia è diventato vero luogo di aggregazione di tanti goriziani e già da diversi anni è il fiore all'occhiello della città, un punto di riferimento regionale. 

Infatti, siamo già arrivati a metà stagione e il Verdi registra numeri da record: 10 mila presenze e 9 spettacoli con tutto esaurito. Solo una cosa può effettivamente fermare questi record: il numero fisso di poltrone presenti all'interno del teatro (che sono poco meno di 700).

Onestamente, ci aspettavamo l'arrivo di questi numeri da record, specialmente dopo aver visto ed analizzato il ricco cartellone di questa stagione teatrale. Un cartellone artistico ricolmo di originalità ed unicità, con nomi di personaggi famosi e celebri in tutt'Italia e non solo. Per fare qualche esempio citiamo Ale&Franz (che hanno inaugurato la stagione teatrale), A. Preziosi, L. Argentero, PIF, ma anche personaggi provenienti dal mondo musicale, come Uto Ughi, A. Griminelli, e molti altri ancora come Vittorio Sgarbi, M. Goldin, Ivan Bessonov, ...

Però, chi è la persona responsabile alla stesura del cartellone artistico? Colui che decide quali spettacoli, quali attori portare a Gorizia? (ovviamente facendo uno sforzo immenso visto e considerato che, pur essendo una piccola città, possiamo vantare spettacoli unici e originali in tutta la Regione).

Questa persona è il direttore artistico del teatro. E il direttore artistico del Teatro Verdi di Gorizia è Walter Mramor (nella foto), ed è proprio grazie a lui che Gorizia può ospitare (e vantare di aver avuto come ospiti) grandi attori, musicisti, ballerini, e molti altri. 

Walter Mramor è attore, regista, produttore e direttore artistico. Un professionista del mondo dello spettacolo che può vantare un curriculum ricolmo di progetti, traguardi e soddisfazioni. Un goriziano che ha raggiunto grossi risultati, con onestà e dedizione al lavoro, un goriziano che merita il nostro sentito riconoscimento per ciò che fa per la città, visto e considerato che il teatro di Gorizia (come abbiamo già ribadito) è diventato il fiore all'occhiello per l'intera comunità e punto di riferimento regionale. 

Gorizia3.0


P.S. Vorremmo consigliare all'amministrazione di implementare la promozione degli eventi, vista l'unicità e l'originalità di alcuni spettacoli: sarebbe importante che la comunicazione travalichi la provincia in modo tale da far conoscere la nostra stagione anche alle province confinanti. Sarebbe strategico anche per la città intera attirare l'attenzione di spettatori che potrebbero approfittare di visitare le bellezze che può offrire Gorizia.