UN COMITATO GORIZIANO PER SALVARE LA GINNASTICA

09.10.2021

Comolli invece di risolvere i problemi dell'Ugg abbandona la nave in gran tempesta. E dunque ci chiediamo chi sono coloro che dovrebbero guidare le sorti di questa nostra povera città e che lasciano andare a catafascio realtà importanti, addirittura identitarie come l'Unione Ginnastica Goriziana, un altro fallimento che prova l'inconsistenza della classe dirigente cittadina che ha bisogno urgente di un cambio radicale. I requisiti minimi per la prossima tornata? Aver fatto concretamente avere fatto qualcosa per Gorizia che non siano chiacchiere e selfie autocelebranti.

Intanto crolla miseramente un luogo topico di Gorizia, una vera fucina di atleti e - permetteteci - di "gorizianità" reale e vissuta, di cui si può discutere quanto si vuole ma che a cercare bene si può ancora trovare prima che venga masticata e sputata da Trieste, Nova Gorica, Monfalcone.

Riesce Gorizia a mantenere un briciolo di dignità? A coltivare un sentimento identitario che riesca anche a far convivere maggioranze e minoranze. E' l'idea sulla quale nasce il Comitato che si propone di salvare l'Ugg e riportarla senza fretta ma con concretezza agli antichi fasti.

Lo sta organizzando il consigliere comunale Rinaldo Roldo che fece parte del direttivo della storica società sportiva negli anni addietro quando "l'UGG si avvaleva - dice Roldo - di sponsor privati tra cui anche il quotidiano IL Piccolo". Il Comitato ancora in embrione sembra aver trovato già molte adesioni. Una buona notizia tra tante negative.

Gorizia3.0