UN ENTE FIERE REGIONALE. GORIZIA HA QUALCOSA DA DIRE?

20.09.2020

"Un sistema fieristico unico e coeso che possa rappresentare adeguatamente tutte le realtà specifiche del Friuli Venezia Giulia": così recita un recentissimo comunicato.della Regione Fvg, stilato al termine di una riunione della seconda commissione consiliare. "Un sistema fieristico unico- continua il comunicato - costituirà solo un punto di partenza e sarà seguito da interventi di sostegno per uscire da una crisi iniziata nel 2008 e che la pandemia ha ulteriormente aggravato"

Come non essere d'accordo? Le Fiere tranne qualche rara eccezione sono in grave crisi, tanto che quella di Trieste è già sparita, mentre persiste, nel fantastico mondo dell'economia cittadina, quella di Gorizia, però mangiucchiata tempo fa da Udine.

Qualcuno ricorda la Fiera di Gorizia? Nell'imponente Quartiere Fieristico di via della Barca se ne tenevano anche otto. Poi più nulla e il Quartiere è diventato un ricovero per sorci, come l'aeroporto, l'ospedale di Via Vittorio Veneto, il Parco del Seminario.

Espomego è sparita dopo qualche tentativo fallito di sinergia con la Slovenia; quella su fiori e orticoltura si è trasformata in quattro baracchette ai Giardini. La partecipazione fieristica goriziana, ovvero le azioni detenute dalla Camera di commercio in seno all'azienda Udine&GoriziaFiere sono finite sul mercato ( a Trieste non interessano) , ma nessuno - sembra - le vuole. In questa nuova chiave di lettura regionale, Gorizia ha ancora voce o tutto si risolverà tra Udine e Pordenone, segnando ancora una volta l'assoluta irrilevanza della nostra città?

GORIZIA3.0