"UNA PETIZIONE ASSOLUTAMENTE APOLITICA" UN COMUNICATO DEI PROMOTORI

01.02.2021

I promotori della petizione contraria al senso unico di Corso Italia a Gorizia hanno emesso un comunicato, che volentieri pubblichiamo: "In questo momento di fermento della politica goriziana ribadiamo la nostra apoliticità. Non vogliamo che la nostra petizione popolare, redatta con lo scopo di ripristinare il doppio senso e chiedere la realizzazione di un piano del traffico, venga strumentalizzata da alcuna forza politica cittadina. "

"Abbiamo lanciato la raccolta firme online (che ha già superato le 300 adesioni) e quella cartacea che sta riscuotendo molto successo, per difendere la nostra città e non per attaccare qualcuno. Stanno firmando persone di diversa estrazione politica e ne siamo fieri perché il Corso è di tutti. Siamo convinti che questa viabilità comporti disagi a tutti, anche alla luce del supporto che abbiamo ricevuto da molti esercizi commerciali di Corso Italia, direttamente colpiti da questo stravolgimento."

"Ci auguriamo quindi - conclude il comunicato - che chi di dovere ascolti le voci dei cittadini palesemente scontenti, e chiediamo ai goriziani e non (possono firmare anche i non-residenti) di manifestare il loro dissenso firmando la petizione disponibile in diversi negozi del centro e presso lo studio dell'Avvocato Orlandi in Corso Italia 44."

I proponenti della petizione Giulia Roldo, Luca Michelutti e Rossella Dosso.

FOTO DAL WEB


Ultimi articoli:

Il Piccolo si è preoccupato di contattare il sindaco di Gorizia sull'argomento Mercato Coperto dopo mesi di silenzio dei media - tranne noi di Gorizia3.0: un silenzio doveroso dopo le figuracce dello scorso ottobre e il nostro titolo riporta una domanda retorica che segue un ragionamento pieno di grinze del primo cittadino di Gorizia. Come saprete...

Se Gorizia e Nova Gorica saranno la Capitale Europea della Cultura sarà anche per merito del borgomastro di Klagenfurt Hans Ausserwinkler che, negli anni '60, gemellando il capoluogo della Carinzia con le nostre due città fu promotore della "frontiera più aperta" nella Cortina di ferro. Un altro episodio da evidenziare in quel Bidbook che appare...

Una sola parola d'ordine ai commercianti del mercato coperto categorica e impegnativa per tutti: silenzio stampa sull'incontro. Camera di commercio di Trieste e comune di Gorizia si vergognano talmente delle figure barbine fatte nelle ultime settimane da essere terrorizzati.
Pochi giorni fa si è tenuto infatti l'incontro tanto atteso tra i...

Terrorizzati dalla reazione scatenata anche su questo social da uno dei peggiori pastrocchi goriziani degli ultimi anni, ovvero gli enigmatici lavori che avrebbero dovuto sconvolgere il Mercato coperto, ecco che con le pive nel sacco, il megadirettore della CCIAA triestina Medeot accompagnato dall'assessore al commercio Sartori hanno ribaltato la...

Prima puntata - Il mondo alla rovescia. Tutto ciò che non è stato fatto dall'amministrazione comunale in tre anni dall'insediamento è stato messo in fila in www.goriziastrategica.it, dove i cittadini sono chiamati alla realizzazione del nuovo piano regolatore, che si muove su cinque direttrici: Gorizia cura il suo patrimonio; il verde goriziano...