VENTI MILIONI PER LE SCUOLE GORIZIANE

Cominciano a funzionare gli enti di decentramento regionale istituiti dalla Regione e propedeutici alle nuove province (Edr): la programmazione dell'Edr di Gorizia per l'edilizia scolastica per il triennio '20-'22 mette a disposizione circa 20,5 milioni di euro e riguardacomplessivamente 33 edifici dislocati nei Comuni che ospitanoscuole secondarie di secondo grado ovvero Gorizia, Monfalcone,Staranzano, Grado e Gradisca d'Isonzo, frequentati da 5500ragazzi.
Vi sono 20 interventi inseriti nel piano e già finanziati confondi europei, del ministero o in parte coperti da risorsedell'avanzo libero dell'Uti per 9,5 milioni di euro.Vi rientrano, tra gli altri, l'adeguamento sismico dell'istituto"Galilei - Fermi - Pacassi" di Gorizia (1. lotto - realizzazionenuova palestra) per 2 milioni di euro e l'adeguamento sismico del Duca degli Abruzzi per 1,4 milioni. Un pacchetto di opere ingentiriguarda il Max Fabiani, interessato da interventi di adeguamentoantisismico, antincendio, sostituzione serramenti, nuovo impiantodi illuminazione e riscaldamento, per un totale di circa 1,7milioni euro. Tre di questi interventi, collegatiall'efficientemento energetico dell'istituto, hanno comportatouna progettazione innovativa, coperta da fondi comunitariPor-Fesr, vincolata all'accesso al conto termico (GSE).
Con oltre 7,2 milioni di euro del bilancio regionale, sultriennale '21-'23, sono invece previsti altri dieci interventi, oltre ad una serie di opere minori ma urgenti, su edificiscolastici di Gorizia, Gradisca di Isonzo, Staranzano e Monfalcone, di cui il più consistente riguarda l'efficientamentoenergetico, con sostituzione dei serramenti e rifacimento dellacopertura, dell'ex Pacassi nel capoluogo. Altre cinque opere per un valore complessivo di 3,7 milioni dieuro sono invece in attesa di finanziamento dal Ministero. Il quadro si completa con gli interventi, anche di piccoledimensioni, a valere su fondi statali Pon per complessivi 500mila euro, che si sono resi necessari per adeguare gli istitutisuperiori alle misure anti Covid.


Gorizia3.0


Ultimi articoli:

"Dai pressi del Caffè del Teatro sino alla stazione ferroviaria le folte siepi di malvone, che fiancheggiavano i viali di platani, sembravano un interminabile tappeto di fiori, che destava la maraviglia di tutti i forastieri..... Ben a ragione Gorizia poteva venir chiamata l'incantevole città dei fiori del Friuli Orientale, da chi dalle brume...

L'assessore regionale all'Energia Scoccimarro ha annunciato stamane di voler revisionare entro l'anno la legge sullo sconto carburanti ed eventualmente inserire nuovi comuni nel progetto, che va a supporto di una lunga e finalmente concreta battaglia goriziano-isontina per riequilibrare l'economia della fascia confinaria. Solo sulla nostra fascia...

Ricapitoliamo: 24 o 25 milioni a Pordenone, Udine e a Trieste. Progetti mirati, occasioni di sviluppo. Diciotto piazzati sul territorio dell'ex provincia di Gorizia e salomonicamente divisi tra i due capoluoghi, Monfalcone e Gorizia. Nove ciascuno. A Gorizia per progetti slegati da una visione d'insieme e che hanno suscitato più di qualche...

Se al primo mal di pancia la maggioranza che governa Gorizia rischia di andare gambe all'aria questa è la conseguenza di una gestione poco condivisa ed arrogante, della mancanza di dialogo con i cittadini, dell'evidente inadeguatezza di molti degli assessori, dell'incapacità di rivendicare un ruolo di protagonista per la città, spogliata come un...

Assisteremo presto alle avvisaglie di un improvvisa cotta per l'Isontino del quale a nessuno fregava niente fino e ieri. Fino a che il direttore del Messaggero Veneto e de Il Piccolo ha sollevato la "questione goriziana", da noi sempre evidenziata. Sindaco non mangia sindaco: noi, insieme a chi ci legge, andiamo avanti. Gorizia langue e sarebbe...