ZONE ECONOMICHE SPECIALI SOLO A TRIESTE?

17.05.2020

C'è fermento in Regione attorno a un'articolata proposta di legge di Debora Serracchiani che chiede l'istituzione di una Zes (Zona economica speciale) a Trieste senza minimamente citare Gorizia (figurarsi!) e neppure l'Isontino. Considerando gli schieramenti politici e la potenza delle lobby dei triestini (beati loro!) si può supporre che il pdl dell'ex governatrice sarà accettato.
Poiché sulla Zese (Zona Economica speciale europea) di Gorizia e quindi sul possibile sviluppo della nostra città si parla da un po' (citiamo l'articolo de Il Piccolo del 28 maggio 2018 che recita "Strada spianata per il riconoscimento della nuova "Zona franca" di frontiera" ricordando che nel 2017 Ziberna e l'ex sindaco di Nova Gorica Alcjon erano a Bruxelles a perorare il progetto. Benissimo e giusto: sosteniamo la causa, sperando non faccia la fine di altri sogni goriziani.
Il 17 febbraio di quest'anno l'onorevole goriziano Pettarin annunciando il suo pieno sostegno alla proposta della Serracchiani dichiara "Si tratta di una misura i cui benefici ricadranno ben al di là del porto e della città di Trieste - dice il parlamentare di Forza Italia" e aggiunge "si confida sia un viatico anche per Gorizia e il territorio transnazionale del Gect Go". Bene.
L'argomento sarà - speriamo - in calendario nei prossimi giorni: intanto pensiamo che i vicepresidenti e i direttori goriziani della Camera di Commercio della "Venezia Giulia", i quali assicurano di lavorare indefessamente per il territorio busseranno alla porta del patron della Cciaa, il triestino Paoletti chiedendo un ruolo per Gorizia e l'Isontino in queste nuove prospettate situazioni economiche e finanziarie.
Ricordiamo educatamente che la Cciaa della "Venezia Giulia", che dispone dei 48 milioni di euro del Fondo Gorizia, che come dice il nome dovrebbe essere di Gorizia e del suo territorio provinciale, ha risposto recentemente picche al sindaco Ziberna che chiedeva "una piccola parte" del tesoretto per far fronte all'emergenza coronavirus.
GORIZIA3.0