Università

sezione articoli

Carigo:360mila euro per gli atenei

Corrispondono a 360mila euro le risorse che la Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia ha destinato complessivamente solo nel 2021 alle Università di Trieste e di Udine: 300mila (150mila per ciascun Ateneo) per il sostegno alla ricerca scientifica e correlata didattica e all'ampliamento e rafforzamento dell'offerta formativa, oltre a 60mila euro per una borsa di dottorato interateneo nell'ambito della ricerca scientifica. Viene dunque notevolmente potenziato, con un incremento di 250mila euro rispetto al 2020 (erano 110mila euro) il supporto diretto della Fondazione alle Università di Trieste e di Udine, con le quali la Fondazione ha condiviso nel corso del 2021, mediante appositi accordi pluriennali, specifiche modalità di collaborazione e programmi d'intervento, nell'ambito di una sinergia che viene ulteriormente rafforzata.

In coerenza con le priorità individuate in fase di programmazione triennale 2020-22 - educazione ed istruzione delle giovani generazioni, formazione del capitale umano, ricerca scientifica e tecnologica - la Fondazione incrementa così il suo impegno in questo settore, con la consapevolezza che la qualità ed efficacia dei sistemi di educazione, istruzione e formazione rivesta un'importanza cruciale per il futuro del Paese, in quanto costituisce una base essenziale per lo sviluppo personale, l'integrazione sociale e l'occupabilità delle nuove generazioni.

«La Fondazione pone al centro dei suoi interventi i giovani e la loro formazione e considera la ricerca scientifica un elemento imprescindibile per lo sviluppo del territorio e la crescita della comunità», spiega il Presidente della Fondazione Alberto Bergamin. «L'Università svolge da questo punto di vista una funzione determinante, in quanto strumento essenziale di trasmissione del sapere e di produzione di nuove conoscenze. Alla luce di queste considerazioni, la sinergia con gli Atenei regionali viene non solo confermata, ma rafforzata ulteriormente, con un notevole incremento di risorse da parte della Fondazione».

Le risorse individuate sono destinate ai corsi universitari presenti nel Polo goriziano dei due Atenei, con l'intento di valorizzarne le componenti formative, a progetti di ricerca che contribuiscono a generare sul territorio ricadute economiche e sociali positive e a favorire l'avanzamento della conoscenza scientifica. Nel dettaglio, i progetti di ricerca che gli Atenei avvieranno grazie al sostegno della Fondazionespaziano da tematiche di natura economica, culturale, giuridica, all'ingegneria e architettura, alla sociologia e alla geografia.

In particolare, al centro delle ricerche che condurrà l'Università di Trieste spicca il tema della protezione sismica del territorio (Dipartimento di Ingegneria e Architettura), il cambiamento climatico e la sostenibilità della viticoltura nel Collio Goriziano (Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche), l'industria culturale e creativa del goriziano per la valorizzazione e la promozione turistica (Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali) e un approfondimento sui regimi di fiscalità di vantaggio nel territorio di Gorizia alla luce dei vincoli internazionali e del diritto dell'Unione Europea (Dipartimento di Scienze Giuridiche, Linguaggio, Interpretazione e Traduzione).

«L'Università di Trieste ha avviato un programma di rinnovamento e implementazione del Polo isontino in cui crediamo molto - afferma il Rettore Roberto Di Lenarda - il generoso contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia contribuirà in maniera consistente ad accelerare questo processo. La sede sarà in tempi brevi sempre più attrattiva in termini di servizi e offerta formativa».

Di grande interesse e rilievo anche i progetti di ricerca che verranno condotti dall'Ateneo di Udine: Da paesaggio di frontiera a paesaggio di relazione - la frontiera italo-slovena di Gorizia come laboratorio di pratiche interculturali (Dipartimento Lingue e letterature, comunicazione, formazione e società), il patrimonio paesaggistico regionale e la funzione di processi partecipati e social big data per favorirne la tutela e valorizzazione (Dipartimento di Lingue e Letterature, Comunicazione, Formazione e Società), ancora il progetto "Città del Vino FVG: obiettivo Agenda 2030" (condotto dal Dipartimento di scienze agroalimentari, ambientali e animali). E, nell'ambito del DAMS, tre studi incentrati su: industria culturale e identità di genere; oggetti promozionali riconducibili al mondo del cinema tra gli anni 50 e 70; cultura della produzione cinematografica in Italia negli anni '50.

«Siamo grati alla Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia - sottolinea il rettore dell'Università di Udine, Roberto Pinton - per il continuo e crescente impegno a sostegno dell'offerta formativa e della ricerca scientifica del nostro Ateneo a Gorizia. Di grande rilievo anche le risorse messe a disposizione per una borsa di dottorato interateneo. La Fondazione è un punto di riferimento imprescindibile e lungimirante per le università sul territorio, grazie al suo impegno a favore delle giovani generazioni, della formazione superiore e della ricerca in un'ottica di valorizzazione e crescita del territorio».

Info stampa: ufficiostampa@volpesain.com



Abbiamo posto all'amministrazione comunale e alle istituzioni goriziane alcuni interrogativi sulla permanenza dei corsi universitari goriziani degli atenei di Udine e Trieste, basandoci non su "voci" ma su preoccupazioni che venivano dallo stesso corpo docente.Abbiamo aggiunto le nostre riflessioni su un Consorzio Universitario goriziano che ha...

Abbiamo posto all'amministrazione comunale e alle istituzioni goriziane alcuni interrogativi sulla permanenza dei corsi universitari goriziani degli atenei di Udine e Trieste, basandoci non su "voci" ma su preoccupazioni che venivano dallo stesso corpo docente.

Ormai è un'abitudine: l'estabilishment goriziano, incapace di affrontare un qualsiasi dibattitorisponde alle sollecitazioni puntuali e precise di Gorizia3.0 indirettamente su Il Piccolo al quale oggi tocca tradurre un mapazzone deliberatorio sull'affidamento dei servizi in una mensa universitaria che non c'è.

La scommessa di un polo universitario goriziano è stato un grande sogno iniziato dal sindaco Scarano e poi ereditato da tutti suoi successori. Un grande sogno oggi incagliato e non sarà un'assessora col problema di rielezione a fare da interlocutrice sul tema, che va ben al di là della sua esperienza e della sua comprensione.

Università e benessere animali: quale logica perversa ha consegnato nelle mani della stessa sventurata la cura di quadrupedi e di dottorandi? Ma Gorizia è spassosamente spensierata e l'assessora Gatta, che per quattro anni alla pari dei colleghi giuntali non ha certo brillato per iniziative e realizzazioni, si è risvegliata avvicinandosi le...

Gorizia3.0, come spesso accade, protagonista in consiglio comunale e soprattutto del mediocre recital tra il consigliere di FdI Braulin e l'assessora all'università e agli animali Gatta, sempre in quota FdI. L'oggetto: un nostro post che mutuando l'opinione scritta del professor Sergio Pratali Maffei, professore dell'università degli studi di...

Credeteci, ci piacerebbe dare solo belle notizie. Invece riproponiamo un nostro breve articolo dell'altro giorno in cui il professor Maffei dell'ateneo triestino evidenzia la probabilità ( o la certezza?) che le università di Udine e Trieste stiano smobilitando i corsi goriziani. La cosa sarebbe di una gravità inaudita e speriamo che sia possibile...

Da anni stiamo sollevando il problema del Conference Center, magnifica struttura che sorge accanto all'ex seminario oggi sede dell'Università di Trieste, che costò circa 7 milioni di euro (circa dieci miliardi di lire) alla Camera di commercio, che allora era ancora di Gorizia. Doveva essere il supporto prestigioso alle vocazioni internazionali...